domenica 8 dicembre 2013

TORTA DI MELE A QUATTRO MANI




La vigilia dell’Immacolata a casa mia si faceva l’albero di Natale. Un albero finto, perché la Natura si rispetta sempre, anche a Natale; ma bello e maestoso come un abete vero. I miei allora bambini si divertivano a caricarlo di palle in vetro e oro e lucine colorate intermittenti. Il tocco finale era tutto mio: mi piaceva infilare qua e là, tra i rami trasformati in asinelli da soma, i fiocchi scintillanti che, uno ad uno, avevo pazientemente ricavato da rotoli infiniti di nastro rosso e dorato.
Da quando ci sono “loro” (Piripicchio, Pallino, Angelica e Ambrosia) l’albero di Natale, la vigilia dell’Immacolata,  non lo faccio più, per evitare di ritrovarmi le due gatte abbarbicate alla cima a contendersi il puntale a suon di zampate e i due cani sotto, con la gamba sollevata a fare proprio quello che state immaginando. Ieri, al posto dell’albero, ho fatto una torta. Una torta che sapesse rendere speciale la colazione di questa giornata di festa. Mentre io mi occupavo dell’impasto,  profumandolo esageratamente di vaniglia e cannella (così mi piace!) mia figlia, come una provetta massaia avvezza a preparare dolci per la sua prole, sbucciava, affettava e spruzzava di limone le mele, che spiarla con la coda dell’occhio era un piacere.
Ci sono profumi e sapori che ci legano alle persone che amiamo in modo indissolubile. Tra me e mio padre resteranno per sempre gli odori caldi della “cupeta” e dello zucchero filato che mi comprava ogni anno alla fiera di Santa Cristina per vedere i miei occhi brillare. Tra me e mia figlia, probabilmente, resterà questa “torta a quattro mani”, ricordo di un pomeriggio trascorso a fare qualcosa insieme con amore ed essa stessa simbolo d’amore. Quell’amore tra genitori e figli che è una pietra miliare posta sui confini incerti della vita.  


TORTA DI MELE A QUATTRO MANI

INGREDIENTI


1 chilo e mezzo di mele golden

400 grammi di farina

250 grammi di zucchero

150 grammi di burro

5 uova

200 ml di latte intero fresco (o panna fresca)

una bustina di lievito per dolci

vaniglia e cannella a piacimento

un bicchierino di rum

succo di limone



Sbucciate le mele, tagliatele a fettine e spruzzatele con del succo di limone e con poco rum. 
Montate le uova intere con lo zucchero fino ad ottenere un composto bello spumoso; aggiungete il burro (liquefatto e freddo), il latte ed infine la farina, precedentemente miscelata con il lievito, la cannella e la vaniglia. Imburrate ed infarinate una teglia grande. Versate un po' del composto e ricopritelo con uno strato di mele. Completate con il composto rimasto e con il resto delle mele. Spolverizzate le fettine con dello zucchero semolato ed infornate per un'oretta a temperatura moderata (170-180 gradi). Per gustare la torta al meglio consumatela il giorno seguente: è morbida, umida e deliziosa!!! 







22 commenti:

  1. non vedevo l'ora che tu postassi di nuovo sul tuo blog,solo per poter rileggere i tuoi pensieri...purtroppo da quando facebook segnala il tuo blog come spam,succede sempre piu' di rado...la torta di mele è per me la torta per eccellenza,se poi viene fatta con la propria figlia è tutta un'altra cosa :) un po' d'invidia ce l'ho,ne vorrei proprio una fetta ora...buona domenica Luci' :*

    RispondiElimina
  2. Confermo il mio giudizio di ieri, è una torta davvero bellissima (sul fatto che sia buona non ho dubbi)! Ma se ti mando 2 euro me la spedisci una fetta? ahahahahaha ;-)

    RispondiElimina
  3. voglio la fetta, l'hai promessa ieri sera non fa la " scordata " come i politici please !!!! :P

    RispondiElimina
  4. oddio, perchè piango???????e comunque, snto il profumo, e vedo gli occhi di una bimba brillare!

    RispondiElimina
  5. Che bello questo tuo post, Lucia... Manolo, il mio gatto, da piccolino impazziva con l'albero di Natale... si arrampicava, tirava palline, fili... distruggeva tutto. Ora, decisamente grandicello, gioca un po' con qualche pallina e poi, fortunatamente, si stanca e ignora albero e decorazioni. Questa torta deve essere una delizia, adoro la torta di mele in tutte le versioni... è coccola allo stato puro. Sai, mi hai fatto riflettere sugli odori e sui ricordi... tra me e mia madre resterà l'odore della vaniglia e del ciambellone appena sfornato... mia nonna, invece, vive nel mio cuore e nei miei ricordi insieme all'odore di limone dei biscottini che preparava per me :) Un abbraccio grande :**

    RispondiElimina
  6. sei tornata cara, che bella sorpresa, una torta piena d'amore!spero sia rimasta una fettina, è bellissima Lucia! Un bacione

    RispondiElimina
  7. finalmente eccoti :) .. come stai carissima..?
    di solito anche io lo faccio questo giorno l'albero e gli addobbi vari , ma oggi ho trascorso la giornata fuori casa e siamo rientrati da poco a casa , quindi domani sarà fatto l'albero con i miei due cuccioli ...
    ottima la torta di mele... e intramontabile..
    un abbraccio forte Lucia
    lia

    RispondiElimina
  8. Menuda tarta más deliciosa, además muy bien decorada. Bss.

    RispondiElimina
  9. E' perfetta, troppo, troppo bella, complimenti a tutte le mani!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Hola Lucia!!! Menuda tarta mas jugosita y rica nos presentas....ademas de lo bonita que te ha quedado.
    Besets.

    RispondiElimina
  11. Eh o infatti.. se si hanno gatti in casa.. l'abero meglio evitare di farlo.. meglio la tua torta guarda!!!! baciotti e buon lunedì :-)

    RispondiElimina
  12. Ciao Lucia, che bel dolce, preparato con amore... si vede, le torte di mele poi scaldano il cuore!!
    Un abbraccio stretto e complimenti a tutte e due!!!

    RispondiElimina
  13. solo perchè fatta a quattro mani, di cui due speciali, che la devo fare, impiegando le due mani speciali che hanno reso "speciale" la mia vita...............

    RispondiElimina
  14. Ci sono delle persone che conosci in rete e con le quali senti di avere voglia di incontrarle sempre e poi purtroppo non è così, ma ti rimangono sempre nel cuore e quando le rincontri è sempre una gioia, una simpatia... E naturalmente mi riferisco a te Lucia Un piacere immenso rileggerti, leggere questo post come sempre bello che ti coccola e ti accarezza l'anima, non solo per la bella ricetta, ricca di tradizione, ma per le parole che l'accompagnano. Però Natale è uguale da me come da te... per cui anche a te basta un pizzico per far festa... anzi due perché è a 4 mani... Il resto a me. E io ci guadagno!!! E' più grande del mio!!!! Bacio stella!!

    RispondiElimina
  15. E infatti questa torta parla d'amore,di passione,di gratitudine!E l'immagine di voi due,scalda il cuore,so bene quanta gioia può regalare un momento condiviso con una figlia,magari proprio in quella cucina che si ama tanto!E' ricca,generosa,abbondante,proprio come te morona mia...altro che sarcofago,quello lo lasciamo alle mummie!Un abbraccio immenso tesoro bello!

    RispondiElimina
  16. Lucia, ero passata per prendere il tuo indirizzo email per scriverti e farti gli auguri di buon onomastico, e tu mi fai trovare questa delizia!
    Allora ho deciso di fermarmi insieme a te e Marika a prendere un pezzo di dolce...
    Anche a me piace tanto la cupeta, ma io la prendevo a Trepuzzi alle bancarelle della Madonna dell'Assunta in estate...

    Un abbraccione
    Marilù

    RispondiElimina
  17. che bontà questa torta! ciao e buon fine settimana

    RispondiElimina
  18. Un tripudio di profumi e di amore, oltre che di bontà.
    Adoro la torta di mele, sa proprio di coccole e anche a me piace spandere generosamente vaniglia e cannella nell'impasto.
    Un piacere ritrovarti, Lucy e mi hai dato uno splendido spunto di riflessione: oggi penserò ai miei profumi, da associare alle persone care.
    non ci avevo mai pensato, anche se "Il profumo" di suskind è uno dei miei libri preferiti.
    baci a profusione, buona giornata
    (auguri in ritardissimo per l'onomastico!!!!!!)

    RispondiElimina
  19. Per lo meno i tuoi quattro animaletti lasceranno in pace la tua torta di mele che ha un appetitoso aspetto. Come ho detto più volte, io ho 4 gatti ed ho quindi dovuto anch'io rinunciare al grande albero di Natale. Ne ho uno piccolino con le luci già incorporate ed un ugualmente piccolo presepio con la ministatuine incollate per evitare di trovare un San Giuseppe tra le fauci delle mie tigri e leoni. Ciao e Buon Natale e felice Anno Nuovo.

    RispondiElimina
  20. Ciao Lucia! Certo che resterà questa torta tra te e tua figlia, come è rimasta la stessa torta di mele tra me e mia mamma! Spero di avere, un giorno, qualcuno a cui tramandarla come fai tu! Un abbraccio e buone feste, Ada

    RispondiElimina
  21. Ciao Lucia ma quanto è buona questa torta? Ottima...baci Dany&Lety

    RispondiElimina
  22. che meraviglia questa torta, e immagino il profumo...

    RispondiElimina