lunedì 30 agosto 2010

FONDUE BOURGUIGNONNE




Alzi la mano chi, udendo la parola “Borgogna”, corre istintivamente col pensiero ai duchi Filippo l’Ardito, Giovanni l’Impavido, Carlo il Temerario (un Robertino il Codardo, manco a pagarlo oro!) e ai castelli di Bazoches, Tanlay, Cormatin… Risultato: nessuna mano alzata. La sollevi, ora, chi associa alla Borgogna vino, senape e fonduta: en pleine di mani alzate!!! C.v.d. (Come volevasi dimostrare: l’unica cosa di matematica che ricordi!) Sorvoliamo, dunque, su storia ed arte di questa fascinosa regione della Francia centrale ed andiamo dritto dove ci portano… le mani: alla sua cucina! Perché, dopo avervi svelato tutti gli arcani della “Paella valenciana”, nel presente post vi dirò tutto quello che avreste sempre voluto sapere ma non avete mai osato chiedere su un altro celeberrimo piatto della gastronomia mondiale: la “Fondue bourguignonne” . Il piatto consiste nella frittura rapidissima di pezzetti di carne in una pentola particolare, che va riempita per metà di olio bollente e posizionata al centro della tavola, su un treppiede che sormonta un fornelletto. Quest’ultimo ha il compito di mantenere costante la temperatura dell’olio e funziona a gelatina oppure ad alcool: sì, proprio quello rosa del supermercato, terrore ed incubo di tutti i bambini della mia generazione (la sottoscritta in primis) poiché illo tempore veniva utilizzato per disinfettare la cute dei teneri sederini prima delle allora dolorosissime iniezioni. Logicamente l’operazione “accensione fornelletto” richiede un minimo di accortezza per evitare che la tovaglia prenda fuoco trasformando l’ameno convito in un raduno di pompieri. Parliamo ora della caratteristica peculiare della specialità borgognona oggetto del nostro dire: il suo essere estremamente conviviale. Ciò è determinato dalla lentezza del processo di cottura della carne: va da sé che l’attesa stimola la comunicazione verbale tra i commensali, a meno che qualcuno non preferisca schiacciare un pisolino tra un boccone e l’altro o lubrificare il gargarozzo con generose innaffiate del nettare di Bacco. Lasciamo che i signori uomini, sempre banali e superficiali nella scelta degli argomenti di conversazione, disquisiscano di crisi di governo ed elezioni anticipate: noi fiondiamoci sul gossip, così potremo fare sfoggio della cultura che ci siamo fatto quest’estate sotto l’ombrellone sfogliando i vari “Chi”, “Dipiù”, “Maddai”…. E poi, vogliamo mettere le grandi soddisfazioni che dona allo spirito lo spettegolare tra donne della cellulite della Marini o delle labbra-canotto della Lecciso? Ma torniamo alla nostra sciccosissima “fondue”: che tipo di carne ci vuole? Se, oltre a vostro marito, avete sposato la filosofia di Paperon de’ Paperoni secondo la quale due euro risparmiati è meglio che one, lasciate perdere la douce France e le sue fondues: invitate i vostri amici al Mac Donald’s e precisate che si paga alla romana. La “bourguignonne” esige la perfezione, quindi la dispendiosità: polpa pregiatissima (filetto o controfiletto), magrissima, tenerissima (Levissima solo se siete così astemi da preferire l’acqua all’ottimo rosso con cui la carne predilige accompagnarsi). Se poi la fonduta volete farla lo stesso utilizzando tagli mediocri, sappiate che tutti avranno il diritto di darvi della str… e di optare per il Mac Donald’s di cui sopra (senza di voi, però!). Passiamo al condimento: una volta infilzato il succulento cubetto con l’apposita forchettina a due punte dal manico di legno pippobaudesco (lunghissimo, cioè) messo a cuocere nell’olio e ritirato nel proprio piatto a più scomparti possibilmente senza dispensare schizzi di grasso bollente a destra e a manca, quali salsine fargli trovare ad attenderlo? A questo riguardo le indicazioni sono piuttosto rigide: che piacciano o no, sono d’obbligo salsa rossa, bernese, tartara e bourguignonne (io vi ho aggiunto tzatziki, ajvar e pesto alla menta e il senso di colpa non mi abbandona ancora). Per concludere in bellezza, c’è chi giura che la “Fondue bourguignonne” nasconda un risvolto erotico e perfino orgiastico, favorito dallo stare vicini vicini attorno al fornello, dal prendere i bocconcini dallo stesso piatto, dal passarsi le verdure e le salse, dal riempirsi a vicenda il bicchiere… Capito, ragazze? Perciò, di corsa! Tutte a preparare la “bourguignonne”!






INGREDIENTI:


150-200 grammi pro capite di filetto di manzo (io ho fatto un misto di manzo e vitello) tagliato a cubetti monoboccone di un paio di centimetri di lato;






un vassoio extralarge stracolmo di verdure fresche e croccanti tagliate a bastoncino o come vi pare, da gustare in pinzimonio come contorno alla carne;






tante sfiziose salsine preferibilmente fatte in casa (tanto la maggior parte di esse si possono preparare con qualche giorno di anticipo e conservare in frigorifero, protette da pellicola trasparente), tra cui non possono mancare le quattro sopracitate (se non vi piacciono le darete al gatto).






Non credo che occorra istruirvi su come tagliare carne e verdure, per cui passo direttamente a spiegarvi come si fanno le salsine... eccetto la "bourguignonne", di cui non sono riuscita a reperire la ricetta. Ne ho acquistato un vasetto di marca francese al supermercato e leggendo gli ingredienti riportati sull'etichetta ho capito che è a base di vino rosso, malgrado all'assaggio sappia più di aceto. Eccola:







Bene, ora finalmente potrò dare uno scopo alla mia vita: scoprire la ricetta della "sauce bourguignonne"! Eccovi le altre.






SALSA KETCHUP
INGREDIENTI:


500 grammi di polpa di pomodoro fresco, senza semi
(io ho usato i perini da sugo)

50 ml di ottimo aceto di vino rosso

50 ml di olio extravergine di oliva

40 grammi di zucchero semolato

1 cucchiaino raso di sale

1 cucchiaino di maizena

1 cipolla

1 carota

1 gambo di sedano

1 spicchio di aglio

un pezzetto di stecca di cannella

qualche chiodo di garofano

peperoncino a piacere



Il ketchup non ha certo bisogno di presentazione. Mi ha divertito prepararlo in casa e non appena l’ho assaggiato mi è partito un sorriso a trentadue denti, perché mi è venuto davvero buono, molto più di quello in commercio! Fate dorare nell’olio caldo le verdure tritate; aggiungete la polpa di pomodoro, la cannella e i chiodi di garofano e lasciate cuocere per un quarto d’ora a fuoco basso. A questo punto unite l’aceto, lo zucchero, il sale ed il peperoncino spezzettato; mescolate e proseguite la cottura per un’oretta, sempre tenendo la fiamma al minimo e bagnando con qualche cucchiaio di acqua calda se la salsa tendesse a restringersi prematuramente. A cottura quasi ultimata aggiungete la maizena sciolta in una tazzina di acqua tiepida, per favorire l’addensamento. Passate il tutto al passaverdure o al frullatore: la vostra deliziosa salsa ketchup è bell’e pronta!





      AJVAR



E’ una salsa a base di peperoni rossi, tipica dei Balcani ma molto diffusa anche nella nostra Trieste: ottima!!!



INGREDIENTI:


3 peperoni rossi grandi e carnosi (o 4 più piccoli)

1 melanzana non troppo grande (circa 300 grammi)

1-2 spicchi di aglio

50 ml di olio di semi di girasole
(io ho usato l’extravergine di oliva)

sale

peperoncino a piacere

un filino di aceto di vino bianco



Fate arrostire in forno i peperoni e la melanzana, poi spellateli e macinateli (oppure frullateli). Mettete l’olio in una pentola larga e bassa e fatevi dorare l’aglio tritato; aggiungete la crema di ortaggi e il peperoncino, salate e lasciate stufare per almeno un’ora (la ricetta originale di ore ne prevede due, ma un tempo di cottura così lungo mi è sembrato eccessivo). A fine cottura potete condire il vostro Ajvar con poco aceto o succo di limone (io l’ho lasciato “nature”).





SALSA TARTARA



Malgrado il nome induca a pensare ai Tartari, la salsa è tutta francese: l’hanno inventata i nostri cuginetti dalla erre moscia per accompagnare la “tartare” di carne. In pratica è una comune maionese arricchita da erbe e sottaceti.



INGREDIENTI:



2 cucchiai di maionese casalinga

1-2 cetriolini sott’aceto

1 cucchiaino di capperi sott’aceto

qualche filo di erba cipollina o un pezzetto di cipolla

1 cucchiaio di prezzemolo

1 cucchiaino di senape


Amalgamate alla maionese la senape, poi unitevi tutti gli altri ingredienti finemente tritati ed un pizzichino di pepe.








SALSA BERNESE

INGREDIENTI:




60 ml di aceto di vino bianco


150 grammi di burro


3 tuorli d’uovo


2 cucchiai di dragoncello


1 scalogno


un pizzico di pepe bianco



Si tratta, in sostanza, di una maionese particolare, preparata con il burro anziché con l’olio. Va servita tiepida e, se messa in frigorifero (come ho fatto io con quella avanzata), diventa un blocco burroso immangiabile: quindi, preparatela poco prima di andare in tavola e fino al momento di servirla tenetela coperta da della pellicola di plastica trasparente, altrimenti la superficie si solidificherà (come è successo a me). Insomma, è una salsina molto delicata che richiede attenzione, ma il suo gusto insolito mi è piaciuto e la sua realizzazione casalinga si è rivelata assai meno complicata di quanto temessi! Mettete in un pentolino l’aceto, lo scalogno tritato ed un cucchiaio di dragoncello (erba aromatica  caratteristica di questa salsa che andrebbe usata fresca, ma io l’ho trovata soltanto secca, in barattolo, col nome di “estragon”); portate ad ebollizione e fate ridurre fino ad ottenere circa due cucchiai di liquido aromatizzato. Occhio, però: l’aceto evapora rapidamente! Io, pensando che occorresse molto più tempo, mi sono allontanata dai fornelli e al mio ritorno, dopo pochissimi minuti, ho trovato il pentolino vuoto! Passate l’aceto al colino e versatelo in una casseruolina pulita, che porrete in un’altra pentola più grande contenente acqua in ebollizione (la salsa va cotta a “bagnomaria”). Unite i tuorli (ricordatevi di tirare le uova fuori dal frigorifero qualche ora prima dell’utilizzo) e mescolate bene con una frusta; ci vorrà pochissimo perché si addensino. A quel punto togliete la casseruolina dal fuoco, continuando però a tenerla nell’acqua calda del bagnomaria, e incorporate, un pezzetto alla volta, tutto il burro (lasciato ammorbidire a temperatura ambiente, per facilitare l’operazione), aiutandovi con la frusta. Completate con il cucchiaio di dragoncello rimasto e con il pepe bianco.







 TZATZIKI

INGREDIENTI:



200 grammi di yogurt greco

1 cetriolo

1 o 2 spicchi di aglio, a seconda dei gusti
(a me l’aglio piace molto, quindi ho abbondato)

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

qualche fogliolina di menta fresca

olive nere

sale

pepe





Anche questa è una salsa famosissima: in Grecia accompagna praticamente ogni cibo, dalla carne al pesce, e costituisce un componente essenziale del kebab turco. Secondo me è meglio non prepararla con eccessivo anticipo: una sosta di un paio d’ore in frigorifero è sufficiente per consentire la totale compenetrazione dei sapori. Sbucciate il cetriolo, privatelo dei semi e grattugiatelo. Spolverizzate leggermente di sale la poltiglietta ottenuta e lasciatela in un colino a perdere quell’acqua che sicuramente comprometterebbe la buona riuscita dello Tzatziki, dopodiché adoperatevi con carta assorbente da cucina per asciugare il più possibile il povero cetriolo disidratato. Unitelo allo yogurt assieme all’aglio sbucciato e ridotto in crema, alla menta tritata (che nella versione turca viene sostituita dall’aneto), all’olio e ad un pizzichino di sale e pepe. Mescolate con cura tutti gli ingredienti. Riempite una ciotolina con la salsa e decoratela con un ciuffetto di menta e qualche oliva.



Se ne avete abbastanza di me e della mia fonduta fermatevi qui, altrimenti sorbitevi le altre foto :-) Buona "Fondue bourguignonne" a tutte (in particolare a Tiziana, Federica, Viola, Elisabetta, Dany, Imma e Marilù: occhio agli "effetti collaterali", tesorucce)!!!
 


































100 commenti:

  1. Non sono una grande fan della fonduta, ma leggere il tuo post mi ha strappato più di un sorriso! :)
    Bacibaci :)

    RispondiElimina
  2. La tua bourguignonne è un'ottima idea per una cena si prepara tutto con un po' di anticipo,poi si mette in tavola l'occorrente... via tutti a servirsi! Anche quelle salse he hai fatto scritte tutte insieme creano un bel prontuario! Bacioni e buona settimana!

    RispondiElimina
  3. Altre foto? Quali altre foto?? No, perchè io le voglio, eh!
    La Burguignonne! Sinonimo di meravigliosa convialità eppure non si fa tanto spesso. Eppure il set è tipico regalo di nozze o quant'altro!
    La testata Maddai mi ha strappato una bella risata :D
    Bello leggerti, un bel mix di ironia, sapiente uso della parole, e cultura. Sarai mica una prof?? :> Apparte che alla prima domanda la mia mano è finita sotto la sedia in piena ansia da prestazione scolastica!!
    Io credo che le salse maggiornate nelle mie corde siano la Tartara e la Bernese, ahimè!
    Ma l'ajvar è un'assoluta novità!
    Brava, buone, BIIIS!

    RispondiElimina
  4. Adoro la fonduta,in tutte le versioni!L'hai presentata benissimo e le foto,come al solito,sono stupende!Prendo nota di tutte le gustose salsine che hai descritto!Un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Mia cara, continui a fare meraviglie, è un vero piacere vedere e leggere i tuoi post!!! Le foto sono stratosferiche, il racconto deliziosissimo, la presentazione magistrale!!! brava al cubo!!

    RispondiElimina
  6. meravigliosa!! L'adoro, vedere qs foto così luminose mi hanno messo un forte appetito!!! Intanto mi sono annotata questi deliziose salsine...bravissima..buon inizio settimana

    RispondiElimina
  7. Complimenti per le foto!!! sono fantastiche!!!! mi piace molto la fondue bourguignone!!! un bacio e ancora complimenti!!! buon inizio settimana

    RispondiElimina
  8. Cara Lucia una ricetta per fare la "Fondue bourguignonne” come la tua non l'avevo mai letta!! Complimenti! Le salse sono appetitosissime ma l'ajvar, questa sconosciuta, m'ispira tantissimo! Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Che argomento che hai toccato!!! Io l'ho mangiata solo una volta in vita mia.. e nemmeno in un ristorante francese ahahahaahah!!! Era buonissima.. e ricordo tantissime salsette... Che bont.. tu sei stata proprio brava!!! smackkk buon lunedì! :-D

    RispondiElimina
  10. Tra molto poco carnivora e pure astemia (c'è sempre la Levissima a disposizione?!?!?) qui oggi mi chiappo la bocciatura completa, senza rinvio a settembre (che è pure alle porte)! A parte tutto, troppo forte questo post dolcezza, specie lo spettegulessssssssssss =))! Proprio bello il set da "Fondue" uno di quegli accessori che mi mandano fuor di capo con ciotole e ciotoline. Di carne ne ruberei poca, ma quel piatto colorato di verdure per pinzimonio sarebbe in serio pericolo!!!
    Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  11. FONDUE???!!..io sono una di quelle che a sentire questa parola corre come un fulmine..io sono una delle fortunate che mangia spesso la bourguignonne, la chinoise, la bacusse, la fondue au fromage..insomma sono buonissime e non le rifiuto mai..!!..Bel post Lucia!!trovo che questo tipo di preparazione sia fantastico per stare in compagnia a mangiare con calma tutti assieme senza che la padrona di casa si alzi in continuazione..ciao ciao

    RispondiElimina
  12. buona settimana,Lucia^;^ non ho mai mangiato la fondue bourguignonne cara,ma tu l'hai presentata con una dovizia di particolari ed una cura eccellente, ed hai fotografato tutto magistralmente,che è come se l'avessi gustata,in questo momento!!!!bravissima,cara:))è un vero piacere,per gli occhi ed il palato,passare
    dalla tua cucina;0))
    ho preso nota della salsa Ketcup!!la cercavo da tempo;) grazie ed un bacione

    RispondiElimina
  13. Carissima Lucia, se non ti dispiace mi autoinvito a casa tua per gustare questa delizia essendo io sprovvista dell'occorrente per approntare in tavola cotanta bontà.....
    Nel frattempo mi godo le foto tanto eloquenti quasi da saziare gli appetiti.......
    Ho detto quasi..........
    Davvero stupendo questo piatto!
    Complimenti....come sempre sei bravissima..
    Un bacione

    RispondiElimina
  14. Ciao cara!!! Ma come mi piaceeee!!!!!Adoro stare intorno ad un tavolo con gli amici e litigare scherzosamente per quelle simpatiche forchettine(quella è mia...ma no è la mia!!)ancora più gustosa se le salsette sono come le tue!! Sei stata bravissima!! Bacioni.

    RispondiElimina
  15. bel post ricco di vivacissime foto ... usavo la bourguignonne spesso, prima di avere due pargoli in giro,adesso ho il terrore e sta ben risposta in credenza...ho il ricordo di belle cenette intime con pochi ospiti seriamente interessati a questo tipo di cottura della carne,gia da se al centro della tavola regala un atmosfera molto particolare...le tue salsine sono davvero buone segno subito gli ingredineti cosi' appena posso rimetterla a tavola le provo...baci cara e buona giornata...baci

    RispondiElimina
  16. eccezionale questo set per la fonduta... LO VOGLIO ANCHIO!!!! cmq queste ricette delle salsine le metto subito a preferiti... complimenti per la presentazione e per le foto... rimango incantata...

    Buona Serata
    Terry

    RispondiElimina
  17. Ricetta fantastica...anch'io la faccio spesso...ma alcune di queste salsine mi mancavano! Grazie Lucia di avere postato una ricetta cosi bella che...hai ragione conduce all'intimità!

    RispondiElimina
  18. La fonduta è molto piacevole. I tempi ho provato, il risultato è sempre favolosa, sia di carne, verdure e cioccolato. Besitoss !!!!!

    (La fondue es muy bonita.
    Las veces que la probé, el resultado siempre fabuloso, tanto de carne, verduras o de chocolate.
    Besitoss!!!!!)

    RispondiElimina
  19. Sai che non l'ho mai mangiata? Ma che belle le tue foto, tutte quelle salsine sono di un appetitoso...

    RispondiElimina
  20. Non so se il risvolto sia un bene o un male dipende dalle situazioni forse ma tu ci inviti a farle e allora facciamole! Quello che è certo è che le salsette sono tutte buone, specie quella ai peperoni!

    RispondiElimina
  21. Ciao!
    Non l'abbiamo ancora mai provata...ma la tua bellissima presentazione e le tue splendide foto più che un piacevolissimo invito...sono per noi un ordine, altrettanto gradito, a rimediare il prima possibile!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  22. Ciao! è la prima volta che lascio un commento nel tuo blog, anzi credo che sia la prima volta che leggo il tuo blog. ho assaggiato la fondue bourguignonne a casa di un amica e ne sono rimasta entusiasta e vedendo ora la tua mi è ritornata una voglia pazzesca. per quanto riguarda le salse hai parlato di pesto alla menta...mi potresti dire come si fa?
    adoro la menta e mi ha incuriosito parecchio! complimentoni ancora per questa meravigliosa ricetta! Angela

    RispondiElimina
  23. ¡Qué maravilla, todo delicioso la fondue y todas estas deliciosas salsas tambien explicadas.
    Besos

    RispondiElimina
  24. cara Lucia con i 12,8° che abbiamo avuto oggi una bella fonduta calda ci sarebbe stata benissimo! Un post veramente eccezionale, da conservare tutto quanto, un abbraccio affettuoso!

    RispondiElimina
  25. Lucia, thank you for these recipes and this beautiful presentation!

    RispondiElimina
  26. Bellissimo post,voglio farti i miei complimenti.
    Ho assaggiato la fonduta solo una volta e sarei curiosa di fare il bis.Vedremo!
    Ciao e buona settimana.

    RispondiElimina
  27. O mamma chi più ne ha più ne metta..maga ma come fai???Le assaggerei tutte quelle salsine,che bontà!!Lucia ti confesso che anch'io faccio parte del secondo gruppo,,ma che ci vuoi fà storia ed arte non sono il mio forte!!Un bacio grande e a presto!

    RispondiElimina
  28. Complimenti !!. Un post da 10 e lode!! Il tuo set per la fondue, le salse, le foto e la spiegazione dettagliata, sei stata bravissima.
    buona settimana Daniela.

    RispondiElimina
  29. Complimenti per la pazienza e l'abilità con cui hai preparato sia la ricetta che il post... Veramente brava ....Ottima presentazione...
    Ciao un abbraccio e buona settimana...

    RispondiElimina
  30. Bel post, Lucia...complimenti.......anche a me piace tanto la fondue...un bacio

    RispondiElimina
  31. Un paio di volte all'anno la faccio pure io ed è sempre una gran festa!!!!! Complimenti per le salse tutte rigorosamente casalinghe!!! Bravissima!!!!!

    RispondiElimina
  32. j'adore!!!!et en voyant ces belles photos je n'arrête pas de saliver
    il ne me manque plus que l'invitation
    bonne soirée

    RispondiElimina
  33. Lucia!!Ke meraviglia! quando m'inviti??mi porto la carne da casa nn ti preoccupà! ahaha! Bellissimo post!Adoro la fonduta!mi piacciono tutte le salsine! mi hai fatto venire la voglia di farla pure a me! Bravissima!

    RispondiElimina
  34. Un GRAZIE dal profondo del cuore...
    ti abbraccio
    a presto

    RispondiElimina
  35. interessantissimo questo post, non manca nulla! complimenti lucia! a presto, M

    RispondiElimina
  36. l'unica cosa he posso dire (xkè poi la ricetta si commenta da sola) è STRABILIANTE!

    RispondiElimina
  37. Wowwwwwwwwwww mi sono persa nei sapori!!!
    Non saprei da dove cominciare è tutto così....divinamente saporito!!!
    Bravissimaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  38. Mi piace la fonduta, anch'io saltuariamente la faccio ripescandola dagli angoli più buoi della mia credenza.. opto per la versione più light utilizzando brodo di verdura per cuocere la carne anzichè l'olio. Patate lesse come contorno.

    Proverò la tua ricetta la prossima volta! Bacio

    RispondiElimina
  39. Adoro la bourguignonne e un divertimento assoluto quando la preparo e quando si mangia, poi che risate!!!Una volta nel pentolino della bourguignonne ho provato a fare la bagnacauda?Viene bene! Sarebbe stata meravigliosa con quelle verdurine belle fresche!!! Vous etes magnific!!

    RispondiElimina
  40. Se hai preparato una lista di chi associa la Borgogna alla storia e chi invece alla storia...gastronomica, inseriscimi tranquillamente nella seconda.
    Per me la Borgogna è vini, fondue e vigneti.
    La fondue mi piace tantissimo e poichè ho il terrore di finire al Mac la preparo con carna di buona qualità. Sarebbe terribile passare dalle vigne, la senape, la fondue ad un tavolo di un fast food...
    Complimenti per le salse, tutte buone ed interessanti, ma appena ho letto tzatziki lo stomaco, già molto ben disposto, si è aperto ancora di più! Mi piace talmente che ne preparo quantità industriali e la mangio anche a colazione.
    Brava!
    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  41. ciao io e lia l'abbiamo fatta un pò di tempo fa la fonduta ed è stata divertente!! ti rubiamo le salsine le proviamo di sicuro la prossima volta. cmq complimenti è davvero carina la tua fonduta.
    kiss
    Pina

    RispondiElimina
  42. che meraviglia, Lucia sei favolosa!!

    RispondiElimina
  43. “Fondue bourguignonne”e prima volta che lo sento e grazie per avercilo postato questobellisimo ,interesantisimo piato!Bellisime anche le fotografie!Non so decidere qualle salsa faro!Buona giornata Romana

    RispondiElimina
  44. Madre mia Lucia,asi da gusto comer!!Deliciosa fondue y maravillosas salsas,seguro que todos los comensales disfrutaron con tu fondue.
    Besets.

    RispondiElimina
  45. Esto es lo máximo! que delicia! me cometía todo!
    besos
    Gaby

    RispondiElimina
  46. Ciao! La fodnuta l'abbiamo mangiata per la prima volta a casa di amici...una cena diversa, gustosa e perfetta per chi è in compagnia! Abbiamo po riporvato a farla a casa ma l'effetto in famigli anon è stato lo stesso!
    Certo che però con tutte le salsine fatte home made è decisamente meglio...adoriamo tutte queste salse e maionese eh?1
    Ok la prossima volta ci autinvitiamo a cena ok?1
    baci baci

    RispondiElimina
  47. Lucia!!Che voglia che mi fai venire, perfetta!!!
    Noi la mangiamo con gli amici soprattutto d'inverno!!!Ma un bocconcino con un velo di salsina lo assaporerei anche ora!!!
    Io aggiungo anche dei tocchetti di salsiccia al prezzemolo super fresca!!!!A prestissimo!!

    RispondiElimina
  48. come si fa ad averne abbastanza di te e della tua fonduta??? impossibile!! è un piacere vagare nel tuo blog! (vorrei commentare più spesso ma durante il giorno, in ufficio, non riesco : mi dà errore!! uff... sappi che però ti leggo quotidianamente ed è sempre una gioia per gli occhi e per l'animo)

    RispondiElimina
  49. tesoro mio ma quando mi inviti al prossimo banchetto...che foto luminose e meravigliose e che tavola imbandita magnificamnete!!nn conoscevo questo piatto ma tutte quelle salsine li mi attirano da morire....lucia dal dolce al salato sei un maga!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  50. la fondue è troppo mitica: il tuo post è interessantissimo, dettaliatissimo e coloratissimo; insomma perfetto!!! a qnd l'invito?

    RispondiElimina
  51. Altro che il mio pinzimonio con 2 verdure striminzite..questa è arte!!Mi tufferei dentro quel piatto di bastoncini di verdura!!
    Ti ringrazio tanto di essere passata da me!
    A prestissimo spero^^

    RispondiElimina
  52. Un trionfo questa tua preparazione ... e carinissimo l0inozio del tuo racconto ;) ciao

    RispondiElimina
  53. Quanto mi piace, e che scorpacciate da piccola!ora é un sacco che non la mangio!Grazie per le belle ricette e le belle foto di questo post, complimenti!

    RispondiElimina
  54. Wow... complimenti! Sono senza parole! Che tripudio di colori... e di sapori! Ben fatto! Beati i commensali... un abbraccio

    RispondiElimina
  55. Buonaaaaaaaa!!! quando vado in svizzera la prendo sempre...è troppo gustosa e invitante. Le tue salsine però sono molto meglio di quelle che propinano i ristoranti. La prossima volta passo da te ;)

    RispondiElimina
  56. Fantastico,sono senza parole!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  57. Ogni componente è delizioso - tutto spettacolare!

    Complimenti!

    RispondiElimina
  58. Ricetta deliziosa e stuzzicante, ehm i bambini li porto da te.....baci Simona

    RispondiElimina
  59. Complimenti,questo e' un post coi fiocchi!
    La ricetta del Ketchup te la rubo sicuramente, e forse anche tutto il resto!
    In Inghilterra la salsa tartara ha spesso pezzetti di uovo sodo ed e' la classica salsa per il fish and chips.Yum!
    A presto,un bacio.

    RispondiElimina
  60. Sei una forza della natura: il post è interessante, ma le foto fanno sentire parte del lieto convivio ...

    RispondiElimina
  61. Quelle fondue!!!!!!!!!!!
    Des photos magnifiques et une recette très réussie.
    BRAVO!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  62. Io la adoro! Farla in compagnia in una cena è bellissimo...e si muore dalle risate quando senti i commenti e vedi le facce di chi si perde la carne dentro la pentola e tenta di riprenderla...Spassoso.. Brava..baci

    RispondiElimina
  63. Hihihi.. quindi parlare di politica è più faceto del parlare della cellulite della Marini?? Aahhah che forza e che ricetta, spiegata non bene ma benissimo e, se c'erano dubbi sul come si facesse, beh ora non ce ne sono più. Complimenti per tutto il tuo racconto, la parte ilare e la parte seria e gustosa. Buon fine settimana, baci.

    RispondiElimina
  64. Ciao Lucia il tuo post è davvero ricco di spiegazioni e mi apre un mondo in cui non mi sono ancora cimentata, grazie ancora per averlo condiviso con noi!!!
    Ciao a presto!!!

    RispondiElimina
  65. Sinceramente non l'ho mai assaggiata... ma credo che le tue salse siano buonissime (e all'occorrenza proverò a replicarle!) e, soprattutto, ho trovato molto divertente il modo in cui hai scritto questo post...
    Grazie per l'allegria!
    :D

    RispondiElimina
  66. Cara Lucia io la mangiai tantissimo tempo fa la portò mio fratello dalla Svizzera ...le tue foto sono bellissime e il tuo racconto divertentissimo.bacioni

    RispondiElimina
  67. Ciao Lucia, una ricetta per altri fonduta di quello consumato in Svizzera, gustose salse mi sembra, ho preso le ricette. Belle foto!
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  68. great dish ,great pics,great post!congrats!

    RispondiElimina
  69. @(parentesi culinaria):
    Prof? Io, una prof??? Ma come ti salta in mente? :-p

    @Federica:
    Mi sa che tra noi due si scatenerebbe un duello all'ultimo bastoncino di carota, allora, perché anch'io preferisco quel trionfo di verdure alla carne...anche se pregiatissima, magrissima, tenerissima! :-)

    @Morena:
    Wow! Sei una vera esperta di fonduta, a quanto pare... Io ho provato solo la bourguignonne, ma mi incuriosisce parecchio quella al formaggio. Quest'inverno la devo fare assolutamente!

    @Manuela:
    Molla la mia forchettina!!! :-D

    Anonimo:
    Ciao, Angela, benvenuta nella cucina dell'Olimpo! :-) Il pesto alla menta è facile da realizzare: basta frullare una manciata di foglioline di menta fresca, precedentemente pulite con una pezzuola umida (circa 40-50 foglioline), assieme a 40-50 grammi di pinoli, un pizzico di sale e pepe e olio extravergine di oliva a filo (q.b.). Io non aggiungo né aglio né parmigiano perché temo che altri sapori forti possano prevalere su quello della menta, che invece mi piace avvertire pienamente. Spero di essere stata esauriente! A presto :-)

    @I VIAGGI DEL GOLOSO:
    E' vero, ragazzi! Ci vuole pazienza per realizzare in casa tutto quel po'-po' di salsine, ma la soddisfazione di gustare roba fresca e genuina al posto dei vasetti senza qualità e senza sapore ripaga ampiamente lo sforzo! Bacioni :-)

    @Pagnottella:
    Sono io che ringrazio te per la tua forza d'animo e per la tua dolcezza. Ricambio l'abbraccio con affetto!

    RispondiElimina
  70. @Tutti:
    come al solito siete accorsi numerosi a vedere cosa bolliva nel pentolone della mia cucina e avete espresso i vostri apprezzamenti simpaticamente e garbatamente. Ho visto che hanno colpito, tra le salsine, soprattutto l'Ajvar e lo Tzatziki: infatti sono quelle che mi sono piaciute di più, per cui ve le raccomando vivamente. Grazie a tutti, ragazzi! Senza di voi il mio lavoro non avrebbe senso :-)

    RispondiElimina
  71. Mon ho mai mangiato la fondue bourguignonne. Complimenti è le salsine super delizia! Sorriso alla menzione di Scrogge McDuck :))

    RispondiElimina
  72. @ Savoring Time in the Kitchen:
    Grazie per il doppio commento, Susan! Si vede che questo post ti è proprio piaciuto! :-)

    RispondiElimina
  73. ciao, son passata da qui per farti tanti auguri di buon compleanno (ho letto il tuo commento al post di puffin)e... mi sono persa questa tua ricetta!!!! a casa in Puglia ho un "aggeggio" come il tuo, ancora inscatolato dal matrimonio di mamma e papà nell'80 e non è mai stato usato... appena scendo lo faccio mio e me lo porto qui per usarlo grazie aituoi consigli... grazie per qst tuo "regalo" che scopro il giorno del tuo compleanno

    RispondiElimina
  74. @Valentina:
    Il regalo lo hai fatto tu a me, passando di qui per farmi gli auguri... E' stato un pensiero dolcissimo e graditissimo, che mi ha perfino un po' commosso :-) Grazie di cuore, Valentina! Un bacio grande.

    RispondiElimina
  75. Hai fatto tutto da sola per questa bourguignonne? Ma sei bravissima!

    RispondiElimina
  76. Ma sai che non ho mai fatto la fondue bourguignone? Cioè, mi ricordo quand'ero piccola che andavamo a casa di amici e ho un vago ricordo di questo pentolino dove infilzavamo dei bocconcini di carne ma sono passati così tanti anni! Devo decidermi a comprare un set da fonduta e provare a farla!

    RispondiElimina
  77. Da tempo mi riproponevo di venirti a trovare ma tra vacanze impegni vari il tmepo è volato... devo dire che capito però proprio su un "piatto" che adoro e non preparo da....mesi^ anni? non ricordo... causa pigrizia immensa al momento di ripulire il mio servizio in rame (mai più!!!)
    appena trovo un volontario-smac raduno pure un gruppetto di estimatori! :-)

    RispondiElimina
  78. Ciao Cara..scusa arrivo solo ora...questa ricetta è fantastica ....gustosa... appetitosa...invitante!!bravissima come sempre! ciao!

    RispondiElimina
  79. Ciao, Federica! Non preoccuparti per il "ritardo": siamo così in tanti che un post qualche volta può sfuggire (succede anche a me)... L'importante è mantenere il rapporto di amicizia, stima e rispetto reciproco che lega tutti noi foodblogger :-)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  80. Eh ma che spettacolo...questa bourguignone è fantastica... io non ho tutta questa attrezzatura, me la devo far regalare!!! Grazie per essere passata dal mio blog...a presto Chià

    RispondiElimina
  81. Wow...ke belle foto!!!Io adoro la bourguignonne perkè mette allegria...complimenti per tutte le tue salsine stuzzicanti ed il tuo superblog!
    Elena

    RispondiElimina
  82. Ti avevo scritto un post ma non lo trovo più chissà cosa ho combinato, forse l'hai cancellato perchè troppo lungo? Se è così mi scuso.
    Ciao Gloria e a presto

    RispondiElimina
  83. @gloria cuce':
    Assolutamente no, cara! Figurati che qualcuno a volte mi lascia due volte lo stesso commento ed io li pubblico entrambi, anche se sono uguali! Non ho mai cancellato nessun commento. Magari pensi di averlo scritto e invece non l'hai fatto... Può essere? A me qualche volta è capitato. Comunque buongiorno e benevenuta sul mio blog! :-)

    RispondiElimina
  84. Un appaluso virtuale per la preparazione che è bellissima, il tuo set tra l'altro è molto carino e le salsine mi piacciono da matti!!!
    Bravissima come sempre cara Lucia!
    Ti auguro una buona giornata

    RispondiElimina
  85. Ciao Lucia.vengo a trovarti, con rittardo.Prego di scusarmi.Riprendersi dopo le vacanze e difficile.:-)E un bel po che non facio la Bourguignonne.E un bel modo di stare insieme a tavola.

    RispondiElimina
  86. Leggendo qua e la ho scoperto che hai compiuto gli anni il 5 settembre e così ci tenevo a farti gli augutri.
    Mi dispiace averlo fatto solo ora ma sono stata assente dal blog in questi giorni e l'ho appreso solo ora.
    Comunque, anche se in ritardo, ti faccio tantissimi auguri e spero tu abbia festeggiato nel migliore dei modi e che il tuo super eroe sia stato all'altezza della situazione....
    Ma come non potrebbe esserlo stato, è un supereroe!!!!!!!!!!!!!!!
    Un abbraccio forte carissima e a presto

    RispondiElimina
  87. @viola:
    Grazie di cuore, Simona! Sei davvero un tesoro :-) Sì, è stato un bel compleanno, all'insegna della serenità... Il mio super eroe sta dicendo che lui è sempre all'altezza della situazione (alla faccia della modestia, ah ah ah!). Ricambio l'abbraccio! Smack!

    RispondiElimina
  88. ciao Lucia, sono imperdonabile solo ora passo a contraccambiare gli auguri!! Mi spiace, volevo farlo subito e poi mi è passato di mente :(
    Sono contenta che tu abbia passato una giornata serena!
    Ma dimmi un po'....ti rispecchi nel segno della vergine e sei anche te un po' pignoletta e precisina?
    La mia piccina di quasi due anni il 16 di qs mese lo è molto di più di me..eheheh
    bacioni

    RispondiElimina
  89. @Puffin:
    Non preoccuparti, cara... I tuoi auguri sono graditissimi, anche se un po' in ritardo :-) Sì, mi rispecchio perfettamente nel segno: sono affetta da perfezionismo cronico (da cui deriva la pignoleria di cui parli)! Inoltre sono troppo sensibile ed altruista... praticamente un disastro! :-D
    Hai una bimba così piccola? Della Vergine pure lei? Mamma mia, povero tuo marito! Ahahahahahah!

    RispondiElimina
  90. mi unisco al coro di complimenti.. un post meraviglioso... un bacio

    RispondiElimina
  91. ciao Lucia, volevo invitarti al mio blog candy... se ti fa piacere visita il mio blog e troverai tutte le istruzioni!

    baci
    Terry

    RispondiElimina
  92. @terry982:
    Partecipo con piacere! Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
  93. complimenti un post direi magnifico.direi molto professionale e ben descritto.
    ti sapro' dire il segreto della salsa bourguignonne, parto per la francia e mi informero' per te.
    quando la rifaro' verro' a prendermi qualche ricetta di salsine.
    mi e' piaciuta l' idea del pinzimonnio, spettacolare con quei colori.
    grazie per avermi suggerito di venire a vederlo.
    baci

    RispondiElimina
  94. Assaggia la fonduta a parigi, e non sono piu riuscita a trovarne una decente qui, ma quasi quasi faccio un salto a casa tua ^_^
    Buona domenica Angela

    RispondiElimina
  95. queste salsine sono una meglio dell'altra ma la mia preferita è senz'altro l'Ajvar, devo farla in casa con la tua ricetta Lucia!Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  96. Mi tufferei a pesce in tutte quelle salsine più e più volte per quanto sono sfiziose! Sai che mi piace tanto quell'attrezzo per la fonduta? Davvero splendido! Un bacione

    RispondiElimina
  97. ahahahah, addirittura il risvolto orgiastico? :) Fantastica, come sempre! Ciao Lucia, un abbraccio!

    RispondiElimina
  98. Che meraviglia questo piatto, mi hai fatto venire una voglia irrefrenabile di fonduta! E' troppo tempo che non la faccio, è grave? Non so ma devo rimediare!
    La presentazione che hai dato alla tua bourguignonne è fantastica, quante salsine golose!
    Insomma, l'avrei mangiata volentieri a casa tua...in compagnia della tua simpatia ^_^

    RispondiElimina
  99. io mi unisco al coro degli apprezzamenti sia per la capacità di entusiasmare con testo e fotografie,sia per la fantasia dimostrata nel descrivere la preparazione delle salse. Io sono una grande fan della fonduta , ma ho anche poco tempo per cucinare. allora ho cominciato a farla utilizzando le salse già pronte ; le trovo in un negozio specializzato, e sono veramente buone.Non mi nascondo: porto addirittura i barattoletti a tavola, al posto delle ciotole, così ognuno sceglie leggendo le etichette.Già due volte ho ottenuto un buon successo Un unico problema: se avanzano e le rimetto nel barattolo, le devo coprire con un filo d'olio? O per un po' di giorni basta richiudere il coperchio e metterle in frigo'?

    RispondiElimina

    RispondiElimina