giovedì 6 ottobre 2011

FRUTTI DI BOSCO... IN PARADISO!






Centotrentatrè anni portati benissimo. No, non sto parlando di Rita Levi Montalcini!  La pluricentenaria in questione è la deliziosa signora Vigoni da Pavia, meglio conosciuta come… torta paradiso! Era infatti il lontano 1878 quando Enrico Vigoni, dell’omonima pasticceria ancora presente nel centro della città lombarda, codificò la ricetta di quella che sarebbe poi diventata la torta per eccellenza. Ma parlando di questa incantatrice di palati della Padania non si può non ricordare la pittoresca leggenda secondo la quale un frate della Certosa di Pavia avrebbe imparato la ricetta della torta paradiso da una giovane sposa conosciuta mentre, uscito di nascosto dal monastero, vagava per le campagne circostanti alla ricerca di erbe curative. Se oltre alle erbe e alla ricetta il fraticello abbia trovato altro, magari nel letto della soave sposina, non ci è concesso saperlo; fatto sta che il certosino preparò poi la torta per i suoi confratelli i quali, trovandola di una bontà estasiante, la denominarono “torta paradiso”.
La “morte sua”, secondo i più, è con farcitura di crema al latte e nevicata di zucchero a velo in superficie; se anche voi siete di tale parere, vi esorto a provare questa versione che ho ideato e sperimentato per la felicità di mia figlia, ghiotta di frutti di bosco: scommettiamo che la giudicherete superiore? Quando andrete per lamponi, però, occhio a non addentrarvi nei boschi attorno ai monasteri :-D





 
 
 
 
 
INGREDIENTI
 
 
PER LA TORTA PARADISO:
 
 
150 grammi di farina
 
150 grammi di fecola di patate
 
300 grammi di zucchero a velo
 
300 grammi di burro
 
4 uova intere e 4 tuorli
 
la buccia grattugiata di un grosso limone
 
vaniglia
 
1 bustina di lievito
 
 
PER LA MACEDONIA DI FRUTTI DI BOSCO:
 
 
lamponi, mirtilli, more, fragoline di bosco
(quantità a piacere)
 
liquore ai frutti di bosco
 
zucchero semolato
 
 
 
Lavorate il burro ammorbidito con lo zucchero a velo fino a renderlo cremoso, quindi, poco per volta, aggiungete le uova,  amalgamandole perfettamente al composto. A questo punto incorporate la farina, precedentemente miscelata con fecola e lievito; profumate il tutto con vaniglia e limone. Versate l'impasto in uno stampo grande per ciambella imburrato e spolverizzato di farina o di fecola e passate in forno per un'oretta a 180 gradi (il forno dev'essere già caldo). Nel frattempo preparate una bella macedonia con i frutti di bosco lavati ed asciugati con estrema delicatezza, uno spruzzo di liquore e qualche cucchiaiata di zucchero. Lasciate macerare in frigorifero fino a quando la ciambella sarà pronta (ovvero cotta e completamente raffreddata).
Poco prima di servire riempite il buco della ciambella con un misto di frutti di bosco, poi nappate generosamente la superficie del dolce con una salsina ottenuta frullando i lamponi con il liquido di macerazione e passando il tutto al setaccio.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
















65 commenti:

  1. ti credo sulla parola e sulle immagini che hai postato!!!deve essere qualcosa di meraviglioso poterla addentere!!!

    RispondiElimina
  2. dire splendida sarebbe riduttivo sicuramente bellissama e divina al palato bacio simmy

    RispondiElimina
  3. Te possino! avevo iniziato una settimana di fioretti ma.... questa ha la precedenza! E' fa-vo-lo-sa, grazie. Lucietta:sei un mito.
    bacione

    RispondiElimina
  4. Lo senti questo rumore?...
    Sono io che ti batto le mani!!!!! :D
    Meraviglia delle meraviglie!!!
    Cara Lucia, questa torta sarà mia!! ;-)

    RispondiElimina
  5. Giuro di stare lontana dai monasteri,ma solo perchè ci sei tu a svelarcii segreti di tale meraviglia!Si,sembra un quadro, con tutta quella glassa che cola seguendo quasi un disegno preciso!!
    Ehi,mi raccomando non cadere nella rete del fraticello,"tenersi alla larga dai monasteri",vale anche per te!!
    Ciao morona bella,alla prossima!!

    RispondiElimina
  6. Hummmm Lucia che meraviglia

    baci!!

    RispondiElimina
  7. Splendida e di bell'effetto! Brava! Ciao

    RispondiElimina
  8. Sembra buonissima!!! Grazie per la ricetta!
    A presto...
    Silvia

    RispondiElimina
  9. che delizia, che meraviglia, io l'adoro. la mia ricetta è molto simile alla tua, forse uguale, non ricordo bene, comunque confermo l sua bontà!!!! E' vero che anch'io l'adoro con la crema al latte, ma proverò anche questa versione in red. E' bellissima!
    Un bacione. Smack

    RispondiElimina
  10. e se li porta tutti molto bene!! che bella questa torta! ha un aspetto molto elegante nella sua semplicità :)

    RispondiElimina
  11. Anziana, questa torta, ma senza una ruga e con l'aspetto fresco di una rosa. e.. geometricamente perfetta, aggiungerei!
    E' una meraviglia!!!
    Mari

    RispondiElimina
  12. Mi sentiei io in Paradiso con una fetta di quella torta, altro che i frutti di bosco! Invece mi tocca soffrire "all'inferno" ammirare ma non assaggiare...ecchecavolooooooooo! Chissà se trovo un fraticello che la farà per me :))
    Un baciotto mora tentatrice (tanto per restare in tema frutti di bosco!), buon we

    RispondiElimina
  13. E i monaci ne sanno una plù del diavolo...ma anche tu, versione stupenda, da dare un morso a quella bella fettina!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  14. Ma quant'è bella!! Mi piace troppo!
    Elegante, dai colori bellissimi e immagino anche tanto, tanto buona!
    Non vale: sono indietro sulla tua caprese al limone che già me ne devo segnare un'altra da fare!
    E bravo il fraticello che va per boschi e cercare erbe curative!
    Bacioni Lu, buon fine settimana!

    RispondiElimina
  15. Bellissima, hai avuto un'idea meravigliosa...

    RispondiElimina
  16. oh, finalmente!!!!non ce la facevo più ad aspettare...la norbidezza che si intravede dalla foto è un qualcosa di unico, da rifare subito. che bella questa versione in rosso poi, peccato che io non la possa assaggiare, ma grazie di avermela almeno fatta vedere! corro a segnare tutto!

    RispondiElimina
  17. Ciao cara! Quando si passa da te è davvero il paradiso!!! Questo dolce è strepitoso! Complimenti! Un bacione e buon week end.

    RispondiElimina
  18. Ulalà!!! ci credo che è ottima coi frutti di bosco!!! Caspita, 133 anni?!?!?... be si, ne parla Artusi... Bacioni e buona giornata!

    RispondiElimina
  19. è fantastica Lucia...Brava

    RispondiElimina
  20. e paradiso sia!!!!!io vedo pure gli angioletti,che suonano l'arpa...eheheh strepitoso accostamento,per una signora torta!!!brava Lucia,le tue manine fatate non si smentiscono mai!!!!buon weekend ed un bacione^;*

    RispondiElimina
  21. Dire che è bella è davvero poco!!!!

    RispondiElimina
  22. Dolce splendido...non c'è altro da aggiungere! Complimenti!!! simo

    RispondiElimina
  23. Espectacular!!!!Lucia,con ese nombre no padia ser menos...realmente es el paraiso.....muy bonito el pastel y la historia.
    Besets.

    RispondiElimina
  24. i suoi anni li porta benissimo, è splendida !!

    RispondiElimina
  25. ma sai che non conoscevo la storia della torta paradiso? che ignorante!
    ovviamente la tua versione è superlativa! :)
    buon we!

    RispondiElimina
  26. come non restare incantati da questa meraviglia Lucia? Anche se sono a dieta me la mangerei subito, almeno una fettina vorrei arrivasse col teletrasporto!Ti rubo il piatto ! heheheheh

    passa un felice weekend, un abbraccio...

    RispondiElimina
  27. Si presenta benissimo...e chissà che buona!!!!!!
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  28. Oh!! Gracias por tu visita.
    Maravillo bizcocho, me gusta.
    un saludo.

    RispondiElimina
  29. Deve essere...PARADISIACA...scusa il gioco di parole ma è davvero un incanto anche dalle foto, immaginarsi cosa è per il palato. Complimenti Paola

    RispondiElimina
  30. QUE MARAVILLA, ESPECTACULAR CON ESOS FRUTOS ROJOS DELICIOSO!!

    RispondiElimina
  31. il est magnifique et délicieux bravo
    bisoussssssssssssssssssssssssssssss

    RispondiElimina
  32. Lucia, io resto sulla ricetta base perchè, purtroppo per me, non riesco a mangiare frutta. Ammiro però la tua variante. Buon appetito a tua figlia. Buona domenica.

    RispondiElimina
  33. Uno splendore: ecco cos'é
    Mi ispiro per una torta di compleanno da regalare!!
    Bacissimi e buona domenica

    RispondiElimina
  34. Veramente una ricetta paradisiaca. Salutoni a presto.

    RispondiElimina
  35. ciao Lucia, la tua torta è davvero bellissima! Quella fettina ne mostra tutta la morbidezza e ho idea che preferirei questa a quella con la crema di latte (anche se DOVREI ASSAGGIARE, prima!); son sicura che mi sentirei ... in paradiso.
    Grazie anche per il racconto; staremo attente ai certosini.
    Un bacione

    RispondiElimina
  36. che bella, così bella gonfia, lievitata perfettamente! Soffice soffice...
    Questa la voglio proprio fare!

    RispondiElimina
  37. Je découvre votre blog qui est bien gourmand !
    Cette recette me plait beaucoup merci de nous la faire partager je la testerai avec plaisir
    Bonne semaine
    A++Sacha

    RispondiElimina
  38. mmmmm il nome dice tutto...ma il fraticello non si sarà mica ispirato ai presunti momenti trascorsi con la gentil donzella???! ;)
    Bellissima presentazione...ahhhh anch'io adoro i frutti di bosco (leggi un pò su fb, il post di oggi ahahahha)
    Ciao donna beddissima

    RispondiElimina
  39. Que lindo Lúcia, e que aspecto delicioso!!
    Beijinhos,
    Lia.

    RispondiElimina
  40. madonnina 0____0 lucia ma sei davvero un artista nel presentare le torte questa e davvero spettacolare ... a parte dimme tu se ce qualcosa che non lo sia ^__^ sei una favolaaaaaaaaaa
    complimenti per la buonissima torta paradisiaca servita e presentata in questo modo credo che i tuoi commensali siano li solo a guardare lo splendore prima di divorarla...
    un abbraccio forte da lia

    RispondiElimina
  41. MERAVIGLIOSAMENTE BUONA.............

    RispondiElimina
  42. Anni portati splendidamente!!!!
    Poi vestita così.. è ancor più bella!!!!
    Bravissima!!!!!!
    Un bacione grande!!!!

    RispondiElimina
  43. Semplice ma di grande effetto! E' proprio bella da vedere questa ciambellona, con tutti questi bei colori dei frutti e la salsa che "sporca". Sono meravigliosi anche i piatti, grandiosa presentazione!

    RispondiElimina
  44. Ma che bontà! Bisogna proprio ringraziare il monaco "birichino".
    Ma io, monaci e monasteri a parte, faccio tanti complimenti anche alla tua versione, altrettanto celestiale, anzi, ti dirò, amando tanto i frutti di bosco, mi piace anche più dell'originale.

    Baci

    Giovanna

    RispondiElimina
  45. Un gâteau magnifique.
    J'en prendrai une tranche avec plaisir.
    A très bientôt

    RispondiElimina
  46. Riesci a rendere ogni torta spettacolare. Brava :-)

    RispondiElimina
  47. Intanto mi sono già copiata la ricetta perchè c'ho mio marito che è da un mese che mi sta facendo morbida con la richiesta di 'sta torta paradiso che gli devo preparare per la colazione, perchè lui vuole qualcosa di meraviglioso da inzuppare nel latte. Ecchediamine! La tua cade a faciuolo e quindi è già nel mio quadernino delle coccole. La storia del fraticello mi ricorda tanto quella barzelletta "un funghetto trallallà", ma siccome è troppo sporca non te la racconto! Bacione splendore!
    Pat

    RispondiElimina
  48. Sembra un'opera d'arte!!
    Mi piace la tua foto, sei spagnoleggiante!!

    RispondiElimina
  49. Lucia cara,tu non hai niente da invidiare a nessuno..eheheh riguardo gli strascinati,sono piu' facili delle orecchiette..non si usa coltello,non si rivolta il tocchetto di pasta..devi solo tagliarlo di 2 cm e premere bene,con il pollice,magari esercitando,con il pollice, un movimento ondulatorio..sus e sott ...come diciamo noi pugliesi..eheheh(su e giu')per farli venire belli tondeggianti..prova e sono sicura che li farai piu' belli dei miei!!!!scommettiamo?^;*bacioni,mitica :))

    RispondiElimina
  50. ciao luci...
    si diciamo tutto bene a parte un periodo un pò di confusione ma si va.. ho sempre il pensiero che mi affligge di quelle due persone a me care... la settimana scorsa sono stata insieme a queste due persone e aspettavo che mi diceva qualcosa invece nulla sono andata via dopo tre giorni e nessun sfogo ...
    ma ti e arrivata la mia e-mail che ti ho mandato diversi giorni fà..? mi manderesti una tu ..?!
    un abbraccio luci
    lia

    RispondiElimina
  51. Che delizia questa torta! CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  52. Complimenti Lucia, questa torta è un'opera d'arte, è bellissima, golosa e invitante!!!!

    RispondiElimina
  53. Mi piace ... Hmmm ... Delicious ...

    Un bacio da Nita.
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  54. ma questa torta e davvero una delizia;ricambio con piacere la tua visita e ti auguro una piacevolissima serata!!!!

    RispondiElimina
  55. un'autentica bontà questa ciambella... come descrivere una visione celestiale?? Sei bravissima, come sempre, anche nella fotografia.
    davvero complimenti.
    baci
    terry

    RispondiElimina
  56. La torta paradiso mi è sempre piaciuta molto, ma tu l'hai presentata in una maniera davvero straordinaria! Complimenti!

    RispondiElimina
  57. Anche noi facciamo parte dei tuoi sostenitori. Torta eseguita perfettamente, Bravissima I cuochi di Lucullo

    RispondiElimina
  58. Ma che delizia! La foto parla da sola: gustosissima, sofficissima e molto invitante :)

    RispondiElimina
  59. Davvero deliziosa, anche nei colori! :)

    RispondiElimina
  60. Grazie per essere passata dal mio blog e per avermi dato l'opportunità di entrare in questo magico mondo di golosità a non finire! Anch'io ti seguirò molto volentieri...magari cercando di non passare all'ora di pranzo, altrimenti il mio appetito mi farà abbandonare l'ufficio!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  61. Bella, molto bella e invitante: complimenti, vien voglia di leccare lo schermo per coglierne gusto ^_^

    Tiziana

    RispondiElimina
  62. Meravigliosa questa torta, davvero un capolavoro che è quasi un peccato mangiare... Devo dire però che sembra davvero buonissima... gnammm! Un abbraccio

    RispondiElimina