domenica 14 agosto 2011

PITTA RUSTICA




Quando penso alla cipolla, per associazione di idee mi viene subito in mente mia madre che, massaia pugliese doc, i modi per utilizzare la cipolla in cucina (e non solo) li conosce tutti, ma proprio tutti! Ho ancora negli occhi e nel naso la sua ridente ed aulente insalata estiva a base di patate lesse, pomodori “rosso schiattacore”, olive nere (quelle piccole salentine, che lei stessa si preoccupava di mettere in salamoia), uova sode e, naturalmente, anelli di cipolla a iosa, di quella bianca fresca, la più adatta ad essere gustata cruda. Ma la preparazione migliore a base di cipolla di mamma Sarina era quella "pitta rustica" o "pitta te pane"  (così chiamata per distinguerla dalla "pitta te patate", di cui vi parlerò un'altra volta) che già solo per il profumo, quando la tirava fuori dal magico forno a gas dorata a puntino (altro che gli odierni forni elettrici!), faceva strabuzzare gli occhi a me e ai miei fratelli, numerosa, monellesca prole da famiglia del Sud di una volta, masnada perennemente in movimento e, di conseguenza, costantemente affamata. L’oggetto del desiderio era formato da due dischi di pasta lievitata che racchiudevano un generoso ripieno di cipolle (gialle, stavolta: incomparabili nelle stufature!) fatte imbiondire nell’olio di oliva (rigorosamente extravergine!, che ve lo dico a fa’) ed arricchite dalle immancabili olive nere (immancabili nella cucina del Salento, ma  in particolare in quella di mia madre: le metteva dappertutto, contravvenendo scrupolosamente all’ordine del dottore che, per l’elevato contenuto di sale, gliene aveva limitato fortemente il consumo), capperi sott’aceto (anch’essi conservati di suo pugno ed anch’essi portatori sani di pressione alta) e “quantu pare” (ovverosia un’idea) di pomodoro. Tutto “a occhio”. Nient’altro: una roba di una semplicità assoluta, ma la bontà di quella farcia era, e rimane, per me, ineguagliabile, se non altro perché di mamma ce n’è una sola e di “pitta te pane” della mamma anche :-)
Alla fine del panegirico avrete capito  che protagonista di questo post è la ricetta della mitica pizza imbottita della mia fanciullezza (divorata in quantità industriali senza mai alcun problema, alla faccia di chi va dicendo che la cipolla soffritta risulta “indigesta”). Ho aggiunto alle cipolle qualche scatoletta di tonno (che la versione classica non prevede) per far contento il figliolo  e lasciato il cipolloso ripieno in bella vista per darvi modo di ammirarlo in tutta la sua ghiottoneria. Mi raccomando, però: non dite a mamma di questi miei "colpi di testa"! Mi considererebbe “fija spamija”(figlia degenere)!!! :-D








INGREDIENTI 



PER LA PASTA: 


300 grammi di farina 00

200 grammi di farina di grano duro

un cubetto di lievito di birra

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

1 cucchiaino di sale fino


PER IL RIPIENO:


mezzo chilo di cipolle

400 grammi di pomodori maturi

2 cucchiai di capperi sott'aceto

150 grammi di olive nere

1 spicchio d'aglio

200 grammi di olio extravergine di oliva

sale q.b.




Mischiate i due tipi di farina ed impastateli con il lievito (sciolto in poca acqua tiepida), i due cucchiai di olio, il sale ed acqua sufficiente ad ottenere una pasta morbida. Lasciatela lievitare, ben coperta, per circa due ore. Nel frattempo preparate il ripieno.  Affettate le cipolle e mettetele a cuocere in una padella con l'olio e l'aglio. A metà cottura aggiungete i pomodori (pelati, privati dei semi e tagliati a pezzetti), un bel pizzico di sale e, se vi piace, un peperoncino. Infine, qualche minuto prima di spegnere, unite le olive ed i capperi. Prendete un po' più della metà della pasta, stendetela col mattarello e foderate con essa una teglia unta d'olio di trenta centimetri.  Versate sulla sfoglia il ripieno e livellatelo bene. Con la pasta rimasta fate un'altra sfoglia più piccola e ricoprite il tutto. Ungete la superficie della "pitta" con un po' d'olio o, meglio ancora, con un po' dello stesso sughetto del ripieno. Infornate a 200° fino a doratura.       




















Buon appetito anche da mamma Sarina!!! :-)









73 commenti:

  1. Uèèèèè... stavo giusto pensando di passare a trovarti quando vedo comparire la tua pitta sulla blog roll ;))) che buona che deve essere!!! Sai che non la conosco.. dalle mie parti non si fa. Buon ferragosto carissima!

    RispondiElimina
  2. P.S: Bellissima tua madre, mi sa che vi somigliate molto;)) E vedo che hai modificato il blog, mi piace, simile a prima ma.. diverso.. Alla prossima

    RispondiElimina
  3. mi sembra veramente divina (e che bella tua madre!)...chissà che in questa settimana non riesca a provarla, mi stuzzica tantissimo...buon ferragosto, baci

    RispondiElimina
  4. Ma allora, Lucietta, sei salentina o pugliese??? il moroso di mia figlia - terrone doc (Otranto) del tipo che più tesoro di così non si può - dice che sono due tipologie umane totalmente diverse! ma sarà vero???
    Trovo magnifica la pitta di mamma (bella come te)
    magnifica la foto. In quanto a cimentarmi... questa è decisamente un'altra storia. Sono un po' pluta in queste cose!
    Passa un felice ferragosto-:)

    RispondiElimina
  5. mentre leggevo gli ingredienti..sentivo iniziarmi un languorino allo stomaco davvero divina...concordo a pieno questa tua ultima ricetta buon ferragosto

    RispondiElimina
  6. Lucia, ti rispondo qui al volo. No, non abito a Clusone ma a Soresina (cr), è mia figlia Chiara che abita là - dal venerdì al lunedì - perchè ha una show-room (mosaici). Vai a trovarla se capiti da quelle parti. Ne sarebbe lusingata (e io con lei!)
    un bacione

    RispondiElimina
  7. E'uno spettacolo Lucia e il racconto ancor di più! ....Ti abbraccio forte e buon Ferragosto!

    RispondiElimina
  8. questa è goduria salata pura!!! complimenti! bellissima la foto della tua mamma! buon ferragosto!

    RispondiElimina
  9. la aggiungo subito nella lista di cose da fare per Ferragosto! auguri ;)

    RispondiElimina
  10. che spettacolo, io adoro le cipolle!!! Buon ferragosto

    RispondiElimina
  11. Ha un aspetto veramente intrigante!Complimenti a te e complimenti anche alla mamma!
    Buon Ferragosto.

    RispondiElimina
  12. I sapori della nostra Puglia sono inconfondibili, una terra fertile che da origine a prodotti unici nel sapore e genuinità, questa ricetta profuma di buono e ricordi,complimenti e buon ferragosto cara

    RispondiElimina
  13. Ciaoooooooooo!!!!!BUON FERRAGOSTO!!!!CA NUN SONG NE L'AULIV NE E CHIAPPARIEL CA MI FANN SAGLì A PRISSION???MA è MAMMT!!!!HAHAHAHAHAHA!!!TI HO RISENTITA FINALMENTE!!!!MI SEI MANCATAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!UN ABBRACCIO AFFETTUOSO..MIA ADORATA MAESTRA LUCIA..NU VAS AZZUCCUS!!!Haihaihaihaihai!!!!A PRESTOOOOOOOOO!!!!!!

    RispondiElimina
  14. Vaya aspecto más apetecible!!! Una mamá muy guapa!!!Besinos

    RispondiElimina
  15. Siete due gocce d'acqua.....il tuo sorriso è il suo!!!
    Io ho il forno a gas.....potrei provare a darti delle soddisfazioni....non così tante ed intense, ma di slancio e cuore sì!
    Non vedo l'ora di usare quell'espressione"rosso schiattacore", penso di non aver mai sentito una parola più bella e che mi abbia conquistata così tanto!

    Un bacetto,
    Fabi

    RispondiElimina
  16. Visto che non ho ancora cenato, ne gradirei un pezzetto! Volevo mangiare solo uno yogurt...
    Ma spiegami come faccio dopo aver visto questa delizia!
    Bellissima tua mamma!

    RispondiElimina
  17. Leggendo il tuo racconto sentivo l'odorino delle cipolle nel sughetto e poi della pitta che usciva dal forno... Deve essere incredibilmente buona e te la copia davvero.
    Ps. Bellissima la tua mamma. La dieta a base di capperi e olive dà ottimi risultati a quanto pare!

    RispondiElimina
  18. Io non amo la cipolla ma l'aspetto è decisamente invitante.
    Debora

    RispondiElimina
  19. Splendida la foto Lucia, quanto sono belle così in bianco e nero!!!! Gustosissima qesta torta salata, da provare. . . Bacioni e buon Ferragosto!

    RispondiElimina
  20. Anche mio padre era pugliese e sono cresciuta con il calzone di cipolle tipico del barese. Figurati se non amo le cipolle! Conoscevo la pitta di patate e qualche volta l'ho fatta, anche io aggiungevo il tonno. Con la pasta voglio provarla, tutti in famiglia vivremmo di pizze rustiche e questa sarà divorata.
    Ma che bella la tua mamma!
    Buon Ferragosto! A presto!

    RispondiElimina
  21. Solo ad aprire il post ho sentito un languorino incredibile.

    Bellissima l'ultima foto

    Baci e Buon Ferragosto

    RispondiElimina
  22. Trovo fantastica l'idea di aver lasciato la farcitura in bella vista, ha donato alla Pitta un aspetto stragoloso!!! :))
    Che meravigliosa creatura la tua Mamma!! :))
    Un bacio e buon ferragosto!

    RispondiElimina
  23. Buona associazione degli ingredienti.Ti auguro anche a te, un sereno e felice ferragosto.Salutoni a presto

    RispondiElimina
  24. adoro le ricette di casa! Perchè sono buonissime e genuine :) che bella (e brava!) mamma! :)

    RispondiElimina
  25. Buon accostamento di ingredienti, dev'essere super golosa. Brava!

    RispondiElimina
  26. Solo a vederla mi mette su una fame pazzesca...:-P
    Bravissima un bacione e buona festa anche a te:-*

    RispondiElimina
  27. Complimenti per il blog. Bellissimo!!

    RispondiElimina
  28. Adoro tutto cio che si mangia in Puglia (ho il marito pugliese...) Noi usiamo le ricette di mia suocera (pace al anima sua..) Questa pitta la preparo con cipolle, olive verdi e capperi, in bianco...anche la tua variante mi attira tantissimo! Grazie della ricetta! Stupende foto!!! Baci e a presto Iva

    RispondiElimina
  29. le cipolle mi piacciono tantissimo, mi sa che la provo!!! ;)
    che bella tua madre!!!

    RispondiElimina
  30. Ciao, accidenti questa pitta è una vera meraviglia di gusto! Una base morbida e rusica, per un ripieno ricchissimo di sapore! Complimenti alla mammma...la sua pitta la proviamo di sicuro!
    baci baci

    RispondiElimina
  31. Ammazza che buona! Mai assaggiata, ma deve essere fantastica.
    E che bella questa foto di mamma Sarina.
    Mi piace molto leggerti.
    baci buona giornata

    RispondiElimina
  32. Caspiterinaaaaaa, mi ci tufferei!!!!
    Le fotografie parlano da sole!!
    Ricetta della mamma unica e ghiotta, con l'aggiunta della figlia, una vera goduria!!
    Un bacio straaagrandeeee!!!!!!
    Bella la tua mamma!!!

    RispondiElimina
  33. Adoro la pitta !! Sono stata nel Salento l'anno scorso e credo di essere riuscita a mangiarla TUTTI i giorni !!!
    Buonissima e bellissima la tua versione !

    RispondiElimina
  34. sembra una di quelle cose che quando cominci non smetteresti più di mangiare! Mela vedo già sulla tovaglia da pic nic, gnam!

    RispondiElimina
  35. Che meraviglia, questo piatto ha proprio i colori e il calore del Sud!!! Mamma Sarina può ben essere orgogliosa perchè è riuscita a trasmetterti non solo la ricetta ma l'amore che si vede per la tua terra!!!
    Baci

    RispondiElimina
  36. complimenti per le ricette, grazie per avermi fatto conscere il tuo interessantissimo blog, ciao!

    RispondiElimina
  37. che fameeeeeeeee, che bontà,
    buonissima.
    ciao baci

    RispondiElimina
  38. Una pizza da acquolina immediata.Solo a guardarla.
    Brava.
    Un abbraccio e buona serata

    RispondiElimina
  39. Ciao Lucia, grazie di essere venuta a trovarmi e come vedi ricambio subito. Io sto facendo sport per dimagrire, ma domenica provo a farmi questa tua ricetta, anche se non saranno gli stessi ingredienti doc che puoi utilizzare tu. Vado a mettermi tra i tuoi lettori e ti aspetterò con piacere da me. Buona giornata.

    RispondiElimina
  40. Bella la ricetta, ma soprattutto bella mamma'... la tipica foto dell'epoca, che assomiglia un po' a quella della mia mamma. :)
    Grazie del tuo passaggio e grazie, sopratutto, per le tue parole gentili... :)

    RispondiElimina
  41. ciao tesoruccio!!!!mamma mia...io proprio non dierisco cipolle, scalogni, aglio...mi vengono dei crampi pazzeschi, mi han detto che sono intollerante...e sto in un periodaccio di allergie pazzesche..ormai quasi a tutta la fruta...cosa mi perdo neh?!:-(((((

    RispondiElimina
  42. ps: la tua mamma è uno splendore!

    RispondiElimina
  43. Per metà sono pugliese, anche se sono tanti anni che non torno nella mia amata terra. Non puoi neppure immaginare cosa può significare leggere la tua ricetta. Tanti ricordi e troppe emozioni. Grazie per la tua ricetta ... ti seguo con piacere.

    RispondiElimina
  44. Lucia, grazie che sei passata a ricordarmi che non sono la sola prigioniera del Ferragosto. Quando sento pronunciare la parola Salento, mi monta la nostalgia. Uno dei posti più belli mai visitati, e posso confessare che ho molto viaggiato. La tua pitta gli fa grande onore e poi, senti...ma che bella la tua mamma, un sorriso splendido di corallo, e che occhi neri! Ti abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  45. Bellissima e molto saporita questa pitta, sento il profumo fin qui!:) Quant'è bella la mamma! Un abbraccio Lucia!

    RispondiElimina
  46. che bella la tua mamma..complimenti!!!...la pitta con le cipolle mi ispira non poco la proverò....ciaooo e grazie per essere passata dal mio blog mi ha fatto molto piacere...

    RispondiElimina
  47. Cara Lucia,benvenuta nel mio blog!Mi sei già simpatica,il tuo blog è molto goloso e divento anche io tua seguace!A presto,Rosetta

    RispondiElimina
  48. Cara la mia Lucia ho finito di cenare da poco (spaghetti al sugo di pescespada e olive e pescesada ai ferri, ricette imparate quando ho avuto casa in Calabria per 15 anni) e mi hai fatto rivenire fame. No dico.....ma si può? Grazieeee! Ricetta che proverò quanto prima e grazie per avermi fatto visita. Un abbraccio Paola

    RispondiElimina
  49. Grazie della visita, ora sei tra i miei preferiti! Il Tuo blog è bellissimo e anche questa ricetta!

    RispondiElimina
  50. Ciao Lucia, grazie mille per la visita! golosissima questa pitta(anch'io metto la cipolla un pò ovunque e non l'ho mai trovata indigesta)! buona settimana & a presto, Ancutza

    RispondiElimina
  51. meravigliosa,questa pitta,Lucia^;^i sapori della nostra terra ci sono tutti,con un trionfo di profumi e sapori!!!complimenti carissima!!


    p.s con una mamma cosi' bella,non potevi che essere un fiore bellissimo anche tu!!tanti baci

    RispondiElimina
  52. Ciao Lucia! Questa pitta è favolosa! Tocca farla al più presto! Un saluto!

    RispondiElimina
  53. Che bello quando si trovano persone che amano quello che fanno.Anche a me piace cucinare e trovo che la cucina salentina sia ottima.Hai fatto una decrizione perfetta tanti complimenti Imma...

    RispondiElimina
  54. Che fame mi è venuta!!!!! Grazie della ricetta e di essere passata da me...corro a diventare tua follower!!!! Anna Celeste.

    RispondiElimina
  55. Mi dispiace, sono spariti i follower....ritento più tardi!!!! Anna.

    RispondiElimina
  56. io adoro le cipolle! è una goduria questa pitta!olive,cipolle e capperi..da svenire!

    RispondiElimina
  57. Semplicità e bontà penso siano un'accoppiata vincente! Quando si tratta delle ricette della mamma poi è ancora meglio. Molto bella la foto della mamma ;:-)

    RispondiElimina
  58. mi piacciono moltissimo le cipolle...questa ricetta mi ha fatto venire una fame...

    RispondiElimina
  59. Che bella la mamma! :)
    Quel bordofocaccioso mmmmm
    :*

    RispondiElimina
  60. Tesoro, che bel post! Ricco di sentimento e gioia!
    La pitta è favolosa, mi hai fatto venire voglia di farla!!!

    Bacioni

    Giovanna

    RispondiElimina
  61. Ma é meravigliosa!e la tua mamma una donna splendida!

    RispondiElimina
  62. Questa pitta rappresenta a meraviglia la Puglia, piena di gusto. Bel post, bella storia e bellissima mamma

    RispondiElimina
  63. Ottima ricetta e splendido post, adoro le cipolle stufate e questa pitta mi sa che ne è stracolma! Bacioni!

    RispondiElimina
  64. bellissima foto quella della tua mamma ! la ricetta è veramente invitante , adoro la cipolla e quando faccio la pizza non manca mai .Buonissimo fine settimana

    RispondiElimina
  65. ¡Mamma mia! Qué receta más rica. Las madres, mujeres sabias, pero los hijos no nos damos cuenta hasta que no somos padres o hasta que no somos lo suficientemente adultos. Y siempre calculaban la cantidad de los ingredientes a ojo. En España tambien.

    Muchas gracias por tu visita a mi blog.

    Saludos y feliz dia.

    RispondiElimina
  66. mamma mia ma quanto deve essere buona!!!!!sempre bravissima!baci!

    RispondiElimina
  67. Complimenti,bella spiegazione! Poi io amo le ricette della tradizione di famiglia! pensa vado in giro con un libricino chiedendo ricette di famiglia in giro!! Li per lì mi prendono per matta ma poi, si aprono e mi raccontano le loro storie legate ai loro piatti...ed io annoto!!!

    RispondiElimina
  68. Una ricetta strepitosa, me la segno! Bella donna la tua mamma, le somigli tantissimo! Buon fine settimana, baci

    RispondiElimina
  69. Che buono questo piatto! Adoro la cucina regionale!

    RispondiElimina