martedì 7 dicembre 2010

FESTE, TRADIZIONI E PUCCE

Pur vivendo a Bergamo da oltre vent’anni, l’irriducibile anima gallipolina mi vieta di relegare nel dimenticatoio le pittoresche tradizioni del mio paese natale e della mia gente. Così oggi, vigilia della festività più importante dell’Avvento, il pensiero è corso giocoforza a quella “puccia” che tante volte, fin da bambina, ha compensato con la sua indicibile bontà il mio sforzo di osservare fino a mezzogiorno il digiuno devozionale imposto dalla tradizione. Infatti il 7 dicembre, a Gallipoli, è d’obbligo digiunare fino a sera, quando si possono consumare le pietanze tipiche delle festività natalizie: baccalà con le patate, rape bollite e “pittule”. Prima di cena si può mangiare, appunto, soltanto la puccia. Chi si intende un po’ di cucina salentina sa che, solitamente, tale curioso nome designa una pagnottella rotonda e soffice (da cui la tipica espressione “faccia te puccia” per indicare un viso paffutello) condita con un tipo particolare di olive in salamoia, piccole e nere, aggiunte direttamente all’impasto prima di passarlo in forno; un pane talmente gustoso da rendere ben accettabile il fastidio di ritrovarsi con i denti neri o il rischio di rompersene uno a causa di un nocciolo dispettoso.







Alla vigilia dell’Immacolata, però, unico giorno nell’arco dell’anno, la puccia perde le olive e diventa un bel panozzo da farcire rigorosamente con tonno, acciughe e capperi, come si conviene ad una città marinara, e divorare a pranzo come unico “spezzafame” concesso durante il digiuno. In realtà, trattandosi di pezzi del peso di 200-250 grammi ciascuno, senza contare la farcitura, altro che spuntino! Ma a Gallipoli, e in tutto il Meridione, prevale sempre, soprattutto a tavola, il detto: “Melium abundare quam deficere” :-)












Ricetta delle pucce dell'Immacolata (di Antonio Fumarola):

"Dovresti procurarti la "mamma" da un panificio e poi acqua, farina "0" e sale. Il lievito "madre" è un quinto del peso dell'impasto, il sale invece un 4 cucchiaini per chilo. Fai prima lievitare l'impasto, LENTAMENTE, un tre ore, poi reimpasti facendo le forme che devono lievitare una notte a temperatura ambiente. La mattina le incidi dai lati con un coltello affilato e metti in forno a 220-250 finchè fanno la crosta dorata. La quantità di acqua è in funzione della forza della farina. Mediamente ne va il 50%... "



Un gallipolino verace, il mitico Mba Pì Tricarico (lo so che questo nome a voi non dice niente, ma a Gallipoli è un’istituzione!) mi ha fatto conoscere una bellissima usanza di tanti anni fa collegata alla giornata del 7 dicembre e alla puccia: tutti i proprietari terrieri per quel giorno mettevano a disposizione delle giare piene d’olio d’oliva nel locale dove era ubicata la sede del Banco di Napoli e la povera gente si recava liberamente con una coppa e una puccia in questo posto, inzuppava la puccia nella giara, la spremeva nella coppa e portava l’olio a casa. L’operazione veniva ripetuta più volte senza che nessuno dei signori presenti muovesse un dito. Questo per dare modo alla gente di rifornirsi di olio e nel contempo fare un po’ di beneficenza.


Per completezza di informazione, vi comunico che esiste un ennesimo tipo di puccia, di più recente nascita e diffusione, che si può gustare in qualunque pizzeria della città e il cui aspetto ricorda vagamente il pane arabo. Il ragazzo dei calzoni, dietro mia stressante richiesta, mi ha insegnato a preparare in casa pure questa. Si impastano farina, lievito di birra (mezzo cubetto per mezzo chilo di farina 0), sale, un pizzico di zucchero, un goccino di olio extravergine di oliva  e acqua tiepida q.b., poi si divide l'impasto in pezzi rotondi e si lascia lievitare per un paio d'ore; a questo punto le "palline" di pasta si passano in frigorifero e si tengono là per tutta la notte. Il giorno dopo non resta che infornarle ed il gioco è fatto.   L’unico problema è che il forno casalingo non arriva ai 350 gradi richiesti dalla ricetta, per cui, a dire del maestro, le pucce “non si sono gonfiate abbastanza”. Ma vi garantisco che nessuno ha fatto in tempo a notare questa piccola imperfezione :-D











La foto delle pucce con le olive è stata reperita in Internet; le foto delle pucce dell'Immacolata le ho avute per gentile concessione del simpaticissimo Signor Natalinu e della carinissima Flavia Sabato; le ultime due foto, infine, sono di mia proprietà ed ogni tanto me le riguardo sospirando :-)


74 commenti:

  1. Adoro le pucce!!! ah! se solo Babbo Natale mi regalasse un forno che arriva a 350 gradi! comunque anche con un forno normale sono portentose! almeno le tue!
    p.s.
    spero di fare cosa gradita girandoti un piccolo premio:
    http://bigshade.blogspot.com/2010/12/doppio-premio-da-parte-di-erika-e.html

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo, le tradizioni non si dimenticano!
    E tu hai sfornato delle meraviglie, cara mia............

    RispondiElimina
  3. ;O
    Sbavo avanti alle foto...ho fame anche se ho cenato e sono ormai in fase digestiva!
    Non puoi pubblicare queste foto sai?
    No si può resistere!
    Domani voglio una puccia anche io!
    Un baciotto e buona festa dell'Immacolata

    RispondiElimina
  4. Non le conoscevo ed è stato intressante leggere il tuo post ....
    Riesco però ad imamginarne il gusto, perchè si tratta di sapori che si trovano anche da me ;D

    RispondiElimina
  5. Magnifico Blog Lucia.. te llamas como mi hija mayor...Lucia. virgene di siracusa jejeje lo vi en una iglesia de Venecia,

    me encanan tus recetas, asi que me quedo a seguirte,
    un saludo desde mi blog de cocina

    www.lasguisanderas.com

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia!Mi piacciono tanto le pucce e molto interessante leggere la tradizione gallipolina ad esse legata!Gustosa la versione più recente che hai realizzato!Un abbraccio e buona festa dell'Immacolata!

    RispondiElimina
  7. Vuoi scherzare vero a dimenticare queste tradizioni?!?!?! Nun'ze po' ^__^ Però sei una gran bella birba a mettere delle foto giganti così, prima o poi e la farai dare una bella capocciata al monitor! Sto delirando davanti a quelle pucce...una per meeeeeeeeee ^__^ Baciottoni mia bella tesora, TVB

    RispondiElimina
  8. Che belle qs tradizioni...ma ceto che vanno mantenute!!! che meraviglia 'ste foto e 'ste pucce!!!!!!!!!!!!!!!! baci

    RispondiElimina
  9. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina
  10. Lucia sono troppo appetitose! Io che adoro il salato ne mangerei almeno 2 o 3, mammamia che voglia matta.....un abbraccio cara

    RispondiElimina
  11. Lucia, che bello tutto quello che hai scritto... oggi ho fatto le puccette alle olive, ma avrei voluto la vera puccia ripiena di Lecce!!! comunque le tue sono meravigliose, e sicuramente golose!!!
    ognuno ha la sua ricetta, ma sempre buona è!!! un abbraccio!

    RispondiElimina
  12. Sono una meraviglia di golosità... ne mangeremmo due anche alle 23.48...
    Un saluto dai viaggiatori golosi...

    RispondiElimina
  13. Delicioso!!!!

    Me anoto esta receta , te han quedado divinos!!!

    Baci ;)

    RispondiElimina
  14. Lucia sono gustosissimi e bello il tuo racconto baci ciao

    RispondiElimina
  15. Quando trovo ricettine come questa, non so dire altro che grazie! Oltre a conoscere le tradizioni del tuo paese scopriamo anche queste bontà!

    RispondiElimina
  16. non sapevo di questa tradizione Gallipolina. Da noi a Napoli è solo al pranzo della Vigilia che si sta "leggerini" (per quanto una pizza con scarole possa essere leggera, ma tanto sono verdure. XD). Molto interessanti le ricette delle pucce. :)

    RispondiElimina
  17. che belle,Lucia^;^ e chissa' che buone...quelle con le olive le ho assaggiate il mese scorso...eccezionali:))
    buona festa dell'Immacolata,carissima!un bacio

    RispondiElimina
  18. Ciao! Queste pucce già ci piacciono! Sia con le olive sia farcita alla mediterranea con il tonno! Devono essere una vera leccornia!
    Da provare quanto prima, poi le tue foto sono così invitanti...
    baci baci

    RispondiElimina
  19. Buona festa dell'Immacolata anche a te e devo dire che la tue "Pucce"sono proprio appetitose!
    MMMMmmmm.....

    RispondiElimina
  20. Mamma mia cara!! Non ci crederai ma ho pestato la faccio contro il video!! Mi hai fatto venire una fame pazzesca!!! Queste pucce sono favolose!! Bravissima!! Un bacione.

    RispondiElimina
  21. Che bella storia... non conoscevo affatto queste pucce, ma sento giò di esserne appassionata!
    Brava!

    RispondiElimina
  22. stupende! l'estate scorsa me ne sono fatta una sbafata nella bella gallipoli e replicherei volentieri!

    RispondiElimina
  23. Bonita historia y tradicion Lucia,esta muy bien esto de regalar el aceite a la gente mas umilde....tu "Pucci"...no puede ser mas tentadorrrrrrrr,esta hermoso...felicidades!!!
    Besets.

    RispondiElimina
  24. Che meraviglia, ma come devono essere buone! meglio abbondare si! ma come si fa a digiunare fino a sera sapendo di queste delizie in forno???chissà se mi vengono,mi piacerebbe provarle...tu però in cambio devi provare la tagliolina!!!:-) baciotti grandi, sei sempre troppo brava, le tue ricette fanno venire l'acquolina!

    RispondiElimina
  25. Sospiro e penso alle pucce..penso alle pucce e sospiro...insomma bella mora la tua cucina gallipolina è sempre troppo saporita e invitante!!Tra le tre versioni????No,non si può scegliere e fare un pò di digiuno per assaporare cotanta bontà,non è uno sforzo immane!!
    Che bello conoscere queste tradizioni,Il Fumarola lì la sapeva lunga Eh??Quasi quanto te bella lucia...UN bacione grande tesò e bellissima serata!

    RispondiElimina
  26. Che buone le pucce! Ogni volta che torno nel tuo meraviglioso salento me ne faccio una scorpacciata!
    Per non parlare poi dei rustici e del pasticciotto: semplicemente sublimi!
    Bravissima Lucia: questa è una ricetta che trascriverò sulla mia agenda personale di ricette, l'agenda speciale,dove non si fa copia-incolla,ma dove ancora trascrivo a mano con meticolosità tutti gli ingredienti, dando il giusto peso anche alla calligrafia, dove fanno capolino solo le ricette che davvero hanno una storia, che portano dentro di sè tutto il profumo e il ricordo di una terra!
    Un abbraccio e tantissimi complimenti: sei bravissima!

    RispondiElimina
  27. Ciao Lucia,
    Maravilloso pan!!!
    Amo tanto la cocina italiana...
    Bacio desde España

    RispondiElimina
  28. Ma dai??!! davvero fate il digiuno la vigilia?? ma che strano, noi la facciamo solo nel periodi di Pasqua, per il venerdì santo!! Che bello conoscere le tradizioni degli altri paesi ;-)

    RispondiElimina
  29. assolutamente bellissime queste tradizioni e sembrano veramente ottimi questi paninozzi!baci

    RispondiElimina
  30. Lucia, queste pucce sono fantastiche!! Si riesce a percepire la loro morbidezza anche oltre il monitor. Baci e buona giornata ;)

    RispondiElimina
  31. è bello scoprire usi e costumi altrui... qui da noi il digiuno si fa per pasqua e alla vigilia di natale si cerca di mangiare cibi poveri quali la "busecca" che poi povero non è almeno di calorie... cmq le tue pucce sono molto stuzzicanti, paninazzi veramente ghiotti...

    RispondiElimina
  32. Adoro le pucce,la mia preferita è speck funghi pomodorini e bufala :) Ti son venute benissimo! Brava! Quindi anche tu sei pugliese ? :)

    RispondiElimina
  33. ciao mia cara. non sapevo che abitassi a Bergamo e non conoscevo questa usanza e le pucce!!! Mi piacciono da morire ma anche io no n ho il forno che va oltre 220!!! intanto mi godo le tue. bellissime e grazie per avermi fatto conoscere tradizioni di una parte d'Italia a me sconosciute. bacioni

    RispondiElimina
  34. Lucia complimenti! Fra le foto e la descrizione delle pucce, che onestamente non conoscevo, mi hai incuriosita tremendamenter e mi hai fatto venire fame.
    Tutte le versione delle quali hai parlato, sono golosissime e interesantissime.
    Peraltro, queste ricette legate alle tradizioni sono le mie preferite.

    E' rimasta una piccola puccetta per me?

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  35. devono essere proprio saporite queste pucce tesoro e poi farcite cosi ancora di piu...nn le conoscevo ma mi sa che devo rimediare!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  36. Wow,un vero spettacolo,bravissima!!!!!! ;-)
    Un bacio ciaoo:-*

    RispondiElimina
  37. meravigliose...complimenti....un bacio

    RispondiElimina
  38. Ciao!!!!!
    Fammi una confidenza!!!!!! Ma....il ragazzo dei calzoni....è in ostaggio a casa tua?
    Scherzo!!!!, sei bravissima, uno spettacolo!!!!
    Immagino il sapore, godendomi queste splendide fotografie!!!!
    C'è qualche cosa che non sai fare?
    Un bacione grande e salutami il ragazzo!!!!!

    RispondiElimina
  39. gustosissime!!!! altro che digiuno!!! con una puccia ci stai bene anche due giorni!!!!!un bacione!

    RispondiElimina
  40. ommamma che bbuone! le pucce le fa la mamma di una mia cara amica, che è di presicce ;-) e i tuoi paninoni son da svenimento! ;-D ciao!

    RispondiElimina
  41. nooooo! la ricetta delle pucce????:-))) per anni un mio collega me le "raccontava" e mi faceva venire l'acquolina in bocca. "portamele quando vai giù dai tuoi, dai!" gli dicevo. ma lui, niente!!! ed io sono rimasta anni con questa curiosità ma ecco che con la tua ricetta potrei (condizionale d'obbligo) farle anch'io!!! adesso ci provo e poi ti dico....grazie!!! bacissimi

    RispondiElimina
  42. Ciao cara ti invito al mio primo contest.
    Vieni a trovarmi su www.ilprofumodizagara.blogspot.com.
    Non mancare e spargi la voce.

    RispondiElimina
  43. Oh que buena pinta tiene ese pan, asi relleno de atún y aceitunas, que delicia!!!

    Saludos

    RispondiElimina
  44. a luciaaaaa....ma e una vera tortura questo vero? sono da mordere tutto anzi tutto il post....compliomenti davvero..
    baci da lia

    RispondiElimina
  45. Grazie delle preziose informazioni che hai dato sulla puccia che non conoscevo minimamente! Complimenti alle tue ultime due foto (posso creder che le rimiri adorante mmmmh...) ma anche al ragazzo dei calzoni e insomma a te che hai realizzato queste meraviglie!

    RispondiElimina
  46. Lucia!Se passi da me c'e una sorpresa per te!

    http://milav.blogspot.com/2010/12/premio-da-condividere-con-altri-blogger.html

    RispondiElimina
  47. Ciao Lucia sono bellissime le tue tradizioni e fai bene a portarle avanti, altrimenti si dimenticano...
    Io non ho mai mangiato le pucce, ma devono essere buonissime, bravissima!

    RispondiElimina
  48. ciao Lucia, non ho ricevuto nessun commento ieri, non so perchè...non capisco!

    RispondiElimina
  49. è molto bello che conservi le tue tradizioni nonostante tu abbia cambiato città, il salento è magico ci vado spesso in vacanza e le pucce fanno parte integrante delle tradizioni locali. Molto caratteristica questa festività e davvero complimenti per le pucce! Baci. Terry.

    RispondiElimina
  50. Mamma mia che meraviglia!! O.O

    Come si possono dimenticare sapori così?!
    Hai fatto bene a fare un tuffo nella tua terra..

    Io un tuffo lo farei in quella puccia che tieni in mano tu.. :D

    Un bacio,
    Babi

    RispondiElimina
  51. mi piacerebbe farlo, il lievito madre ce l'ho , devo solo imparare ad usarlo.
    cara Lucia riguardo la noce di burro che sembra un lingotto....ahahah...
    scrivo una noce di burro , ma a me piace tanto cucinare con il burro e forse esagero.
    per quello dico una noce, cosi' nessuno mi puo' accusare che attento la vita con il colesterolo.
    comunque grazie per la visita e anche per la tua domanda molto pertinente.
    buona domenica

    RispondiElimina
  52. spettacolari!!!!!!!!!!!!!!bravissima Lucia!baci!

    RispondiElimina
  53. Des photos qui donnent très faim.
    Bravo!!!!
    A bientôt.

    RispondiElimina
  54. Wowwww!!! se ve espectacular este pan! anoto la receta me encantó!
    besos
    Gaby

    RispondiElimina
  55. mi dispiaceva mandarti una e-mail privata ma volevo solo dirti.AUGURI!!!

    RispondiElimina
  56. BUON ONOMASTICO,LUCIA!! auguroni cara^;^ trascorri una felice giornata ed una serena settimana!!un abbraccio ed un bacio!smackkkk

    RispondiElimina
  57. si lascia l'involtino di re tradotte in italiano, baci

    RispondiElimina
  58. Anche a me piacciono le tradizioni in certi periodi dell'anno e soprattutto quando sono buone come queste. Le foto fanno venire un appetito incredibile!

    RispondiElimina
  59. Tienes un blog precioso Lucia y esos panes tiene un aspecto estupendo.

    Un besito

    RispondiElimina
  60. Interessante questa usanza pugliese per l'Immacolata...grazie per averla condivisa con noi ciao Luisa

    RispondiElimina
  61. Che buone che sono! Io ho lasciato gli occhi su quella con i capperi..
    Sono ancora in tempo per augurarti buon onomastico.

    RispondiElimina
  62. E' una tradizione che non mi appartiene e che sto scoprendo con piacere grazie ai blog!
    Buon onomastico!

    RispondiElimina
  63. Sono appetitosissimi! e poi ho saltato la cena stasera!
    :(

    Baci, Barbaraxx

    RispondiElimina
  64. Hola Lucía, qué bonito blog tienes!! Unas recetas espectaculares!! Estos pancitos lucen muy ricos! Desde ya sigo tu blog!
    un abrazo,

    RispondiElimina
  65. Che spettacolo! un salto alla mia infanzia pugliese!!! ...mia cognata tarantina è trapiantata in provincia di Bergamo...come te...se vede queste ti viene a bussare alla porta! :)

    RispondiElimina
  66. Ora sospiro anche io vedendo le foto...mi hai fatto venire una fame!!!!!Smack!!!

    RispondiElimina
  67. Troppo belle,il tuo blog e' sempre una chicca!
    Una domandina:quanto pesa un cubetto di lievito in Italia?
    Grazie,Un bacione. :)

    RispondiElimina
  68. Le pucceeeeeeeee meravigliosamente buone!!! ne mangerei una oraaaaaaaa
    baci tesoro

    RispondiElimina
  69. mamma mia che bel post e tutte le foto lo rendono ancora più interessante e godibile...

    RispondiElimina
  70. Grazie per queste perle di tradizione che regali attraverso il tuo blog.
    stupendo post, stupendo blog
    ti seguo con piacere.
    a presto.

    RispondiElimina
  71. Ciao Lucia, mi hai fatto ridere nel commento che hai messo al mio blog: forse non c'era nessuno commento nel tuo, perchè non ti conoscevo (quelle honte!).Ho fatto un giro nel tuo blog pieno di passione e mi sono fermata qui: ho fatto una vacanza in Puglia taaaantooo tempo fa e ricordo di aver preso 5 chili (di salute).Ricordo esattamente il gusto di mozzarelline, friselle e PUCCE.l'ho adorata! Mi fa piacerissimo rivederla nel tuo blog esattamente come l'avevo lasciata!

    RispondiElimina
  72. bellissimo questo post e che fame guardando queste Pucce,le voglioooooooooooooo...bellissime le tradizioni del Sud...baci ^_^

    RispondiElimina