sabato 27 agosto 2011

IL PRIMO RICCIO NON SI SCORDA MAI






Dalla strada si infila in un sentiero stretto tra le canne. Camminiamo in fila indiana perché il canneto è così fitto che non c’è spazio per stare affiancati; le canne che si riavvicinano dopo il nostro passaggio fanno l’effetto di un mare verde che si richiude.
Sbuchiamo su una spiaggia di roccia a lastroni grigiastri ondulati, intervallati da buche. Sembra un paesaggio lunare.
“Ecco Funnumunnu”.
“Cosa?”
“Funnumunnu, in fondo al mondo, questo posto lo chiamano così”.
“E’ bello. Sembra la superficie della luna. Forse lo chiamano così per questo”.
“Qualcuno dice che è questa la vera fine della costa, non il capo. Che è qui che si incontrano i due mari”.
“E lei cosa dice?”
“Io? Nenzi. Niente. Mi piace e basta e poi è davanti casa. E’ l’unico posto dove faccio in tempo a fare il bagno prima di riaprire il negozio. Anzi, meglio che mi sbrigo”.
Si toglie il cappello di paglia e lo lascia cadere su un lastrone, stende con un solo gesto l’asciugamano e altrettanto rapidamente si sfila il vestito. Lo spogliarello più veloce e mozzafiato cui abbia assistito in vita mia. Il suo corpo è una piena di carne trattenuta dal costume, è ancora più di quel che immaginavo.
“Be’, lei non fa il bagno?”
“Sì, certo”.
Per fortuna stamattina non ho messo i pantaloni o i jeans ma ho un paio di calzoncini corti che anche se non sono un vero costume possono andare lo stesso.
Da uno dei lastroni la vedo entrare in acqua con grazia, come se scendesse una scala invisibile.
“Da qui la scesa è facile oppure si può tuffare da quello scoglio più alto accanto” mi grida dall’acqua. A piedi nudi sui lastroni lunari cammino sbilenco come un ubriaco, invidiando la sua dimestichezza elegante. Scalzo non sono capace di muovermi su queste rocce. Tra la discesa e il tuffo non ho dubbi. Mi butto di slancio e in un attimo sento che tutti questi giorni uguali non sono stati che la rincorsa di questo tuffo. Nuoto verso di lei, anche lei mi viene incontro. Siamo così vicini che le nostre gambe si sfiorano nell’acqua.
“Ce l’ha un coltello?” mi chiede a bruciapelo.
“Cosa?”
“Va bene anche un coltellino di quelli piccoli”.
“No, che ci deve fare?”
“Qui è pieno di ricci, sono buoni, li ha mai mangiati? Mi basta anche un sasso piccolo. Ecco, questo può andare”.
Prima che risponda, con la sua arma rudimentale è già sott’acqua a staccare i ricci dagli scogli. La guardo ammirato nuotare in apnea attraverso l’acqua trasparente e tornare su ogni tanto a prendere fiato e a riportare le sue prede. Quando ne ha poggiati una ventina sullo scoglio più vicino li guarda soddisfatta.
“Mi aiuti a portarli su”.
Ne prendo quanti riesco a tenerne nelle mani senza stringere e salgo la scala di scogli nascosta nell’acqua. La guardo uscire dal mare con i capelli fradici lungo il viso e il collo, i capezzoli dritti per il cambio di temperatura, le mani piene dei frutti della sua caccia, e mi sembra una divinità marina antica, una Artemide-Diana cacciatrice del mare. Devo riuscire a controllare la mia erezione, per fortuna i pantaloncini sono larghi.
Posa i ricci neri sull’asciugamano e mentre muovono all’aria gli aculei tira fuori dalla borsa un paio di forbicine, ne prende uno in mano, lo taglia a metà nel senso della larghezza, lo apre in due e fa così con tutti, uno dopo l’altro. Sono affascinato dalla sicurezza delle sue mani, dalla noncuranza con cui recide la vita in movimento.
“Lasci le metà vuote, prenda quelle piene che vanno sciacquate”.
Come un aiuto cuoco in erba eseguo zitto e la seguo all’acqua. Li passa in mare uno ad uno finché all’interno di ognuno non restano che cinque strisce mollicce gialle o arancioni che compongono come una minuscola stella marina.
“Solo questa parte si mangia. Si fa così”.
Infila la punta della lingua nel mezzo guscio e lecca le strisce una per una. La guardo ipnotizzato.
“Be’, aspetta il permesso?”
Mi viene da ridere. La imito. Infilo la lingua nel riccio e lecco anche se mi fa un po’ senso, e ripenso ai rari tiri di coca della mia vita. Non ci posso credere. E’ più buono di un’ostrica. Sembra di mangiare una gelatina di mare concentrato. E poi. Il sapore. Il sapore che lascia in bocca è lo stesso che rimane dopo aver leccato una donna. Mi prende una vertigine. Penso a come potrebbe essere il sapore di lei e per una frazione di secondo mi vedo stenderla, abbassarle il costume e affondare la bocca in mezzo alle sue gambe.
(…)
“Sono femmine”.
“Cosa?”
“Quelle che abbiamo mangiato erano tutte femmine: sono solo le femmine che si mangiano”.
“Ah. Non lo sapevo”.
“Le femmine si fanno mangiare sempre”.
“Be’, non tutte. Ci sono tante donne mangiatrici di uomini”.
“Se mangiano è perché qualcuno ha mangiato loro prima”.
“E’ stato così per lei?”
“Le sembro una così?”
(…)
La seguo a ritroso lungo il sentiero che fende invisibile il canneto, respirando l’odore salato che sale dalle sue spalle, dai capelli ancora bagnati. La seguo fino al cancello di ferro battuto dove lei si gira e mi pianta addosso gli occhi, immobile. Quello sguardo nero di animale che ho visto la prima volta al negozio.
“Be’, arrivederci”.
Di nuovo vuole che me ne vada. E’ la canicola, nessuno per strada a quest’ora, tutti ritirati al riparo dal caldo. Forse ha paura che potrei spingerla dentro il cancello e prenderla a forza sul prato, contro il muro della casa, dove capita, ed è esattamente quello che il mio sangue pensa, il sangue che mi ha gonfiato in modo evidente e scandaloso. Le tendo una mano perché me la stringa, sperando nel contatto mentre mi infilo le unghie dell’altra nella coscia per distrarmi.
Mi dà la mano con la forza di un uomo: “Meglio che si fa una doccia, prima di ripartire per i suoi giri”. Mi pianta così, lasciandomi a chiedermi se si è accorta del mio stato o se era semplicemente un invito a togliermi di dosso il sale.

(Il bacio della tarantola, Giovanna Bandini)



Ho voluto aprire il mio post con questo brano perché la sua lettura mi smuove qualcosa dentro, facendomi rivivere le intense emozioni ed il candido stupore del mio primo incontro con un riccio di mare. Il ricordo è forte ed indelebile nella memoria. Ero piccola e accompagnavo mia madre al mercato ittico: quel giorno per pranzo era prevista pasta con il pesce e bisognava acquistare la classica 'nfilata. La mia curiosità di bambina fu stuzzicata da un banchetto marmoreo interamente ricoperto di ricci che brillavano al sole acquisendo sfumature verdi, violacee e rossicce. Essendo appena pescati, quindi vivi, si muovevano; io, percepito quel movimento, restai imbambolata a fissarli per non so quanto tempo. Ad un certo punto la mano gentile ed incartapecorita di un pescatore che stava aprendo gli echinodermi con ammirevole maestria mi porse un mezzo riccio esortandomi ad assaggiarlo. Avevo paura di tutte quelle spine ed anche l’invito a mangiare un animale vivo mi riusciva tutt’altro che allettante; ma mia madre mi mise il riccio sul palmo della mano dicendo che a tenerlo così, senza stringerlo, non succedeva niente. Fu lei stessa a spiegarmi come mangiarlo: dovevo leccare le strisce arancioni disposte a raggiera. Raccolsi con la lingua il primo “spicchio” e un sapore dolce, sensuale, intrigante invase e soggiogò le mie papille. Da allora il “paracentrotus lividus” (volgarmente ed erroneamente detto “riccio femmina”) è diventato il mio più grande amore culinario, tanto da perdonargli tutte le volte in cui, passeggiando vicino agli scogli, le sue spine si conficcavano nei miei piedi nudi spezzandosi in profondità ed obbligandomi a dolorosi ed estenuanti tentativi di estrazione a suon di ago ed alcool etilico. Certo, sapere che quelle “strisce arancioni” così prelibate ed attraentemente odorose di iodio sono le gonadi dell’animale, ovvero il suo apparato riproduttivo, un po’ di senso lo fa, ma basta non pensarci, chiudere gli occhi e gustarsi il mare in bocca!
Quest’estate, nel corso della consueta capatina al pittoresco mercato storico del pesce situato nella città vecchia, ho scattato qualche foto all’immancabile banchetto dei ricci, principale attrattiva per i turisti, e ai pescatori che stavano preparando i barattoli di polpa di riccio da passare ai ristoratori gallipolini; polpa freschissima, pronta a sprigionare il sapore e il profumo del mare in sfiziose bruschette, irresistibili antipasti e primi spettacolari. Un intero menu a base di riccio io sono andata a gustarmelo a La briciola, un ristorantino vicinissimo al mercato ittico (basta salire la scalinata, attraversare la strada e dirigersi a sinistra: sono pochi metri). Ve lo raccomando caldamente per la bontà dei piatti, i prezzi contenuti, il servizio cortese, l’atmosfera “di casa” e la simpatia del bravissimo cuoco, Antonio, che ringrazio anche da qui per avermi deliziato con le sue indimenticabili linguine ai ricci!




















Bruschetta ai ricci di mare del ristorante "La briciola" (Gallipoli)





Linguine ai ricci di mare del ristorante "La briciola" (Gallipoli)















Monumento al riccio (Gallipoli)







48 commenti:

  1. Hai ragione ..io l'ho assaggiata e gustata con la pasta è divino.

    RispondiElimina
  2. Que delicioso los platos!!!!. Me ha encantado y las fotos geniales!!!. Besos

    RispondiElimina
  3. che meraviglia di reportage Lucia,sono rimasta incantata! Un abbraccio forte cara....

    RispondiElimina
  4. En mi pueblo los llamamos "oricios" y en casa nos gustan un montón, vivimos al lado de un acantilado y en la playa, en las rocas se encuentran los ricos erizos de mar. Bonitas fotos. Besinos.

    RispondiElimina
  5. wow!il brano molto bello, la tua storia di bambina incuriosita e spaventata, altrettanto.. ho chiesto dei ricci di mare qualche giorno fa per fare uno spaghetto! io li adoro! è una vita che non li pesco più! sono buoni tagliati, lavati in acqua appena li prendi! con quel bel sapore salaticcio che ti inebria i sensi! confermo! ho letto con piacere il post, ke bell'l'immagine del monumento! ciao cara buona domenica! speroo di fare lo spaghetto prima che finisca l'estate!

    RispondiElimina
  6. che meraviglia Lucia, se torno a Gallipoli ti chiamo e andiamo insieme !!!

    RispondiElimina
  7. Due bei racconti sui ricci. Quello di Bandini ed il tuo. Ma a me, nella vita, non è mai successo quello che lui descrive nel suo. Pazienza, mi rifarò nella prossima. Buona domenica.

    RispondiElimina
  8. Mai mangiati e forse nemmeno visti!
    Noi qui in Versilia abbiamo le telline,ma di ricci nemmeno l'ombra.Comunque complimenti per il post!
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  9. io non li ho mai assaggiati, ma il tuo post mi invoglia proprio a farlo!!! ;)

    RispondiElimina
  10. carissima...post stupendo. perdona le mie poche parole, sono un pò down!

    RispondiElimina
  11. Dolce LUCIA, Sei entrata alla grande con questi due post!!!A dire il vero, il brano della Bandini ha smosso anche a me qualcosa dentro, ho provato la stessa emozione di lui ma con la prerogativa di non avere gli stessi pantaloncini larghi ma bensì attillati e ancora adesso che ti scrivo non mi posso muovere da vicino al pc perchè ho degli ospiti a casa e per forza maggiore, per optare a questa irrefrenabile emozione, mi butterò addosso una bella bottiglia di acqua fredda con la scusa che fa un caldo della malora???Hahahahahahaha!!!Grande LUCIA, spero che di questi brani ne trascrivi molti altri, così facendo di sicuro il "VIAGRA" non se ne venderà più per tutti quelli che lo prendono.Hahahahahaha!!!Grazie per l'emozione che ci dai quando racconti il tuo passato fanciullesco, sono ricordi indelebili, dove la curiosità dell'assaggiare prevale sulla paura dell'essere punte da questo mollusco dalle proprietà afrosidiache abbinato al sapore e al profumo della donna. Si vede come nelle vene ti scorre sangue mediterraneo...tu e sti minghia di ricci di mare hai azzeccato la giornata ed io non ho concluso niente buttandomi l'acqua addosso, l'emozione sta continuando...adesso come faccio????Hahahahahahahahahaha!!!!Ti saluto, tralasciando un bacio azzuccus e un abbraccio...datosi della mia situazione emozionale...E MEGL ACCUSSì!!!!!Hahahahahahahaha!!!!Ciaoooooooooo!!!!FRISCHEZZA BELLA C'ADDOR E O' SAPOR DO MAR!!!STAI SEMPRE NEL MIO CUORE...NUN TO SCURDà???TO DIC BABBà!!!!

    RispondiElimina
  12. Io i ricci non li ho mai visti, almeno quelli di mare. Il tuo racconto e i tuoi ricordi mi hanno catturato, mi è sembrato per un attimo dei vederti col faccino titubante col tuo riccio in mano mentre ascolti le parole della mamma :) Di mangiarli crudi non credo ne avrei mai il coraggio, mi è bastata l'esperienza con le ostriche, ma quelle linguine altro che tentazione :D! Un bacione bella gioia, buona serata

    RispondiElimina
  13. Ti auguro una felice domenica.Saluti a presto

    RispondiElimina
  14. Ti voglio solo dire che alla riga "Reazioni" ho cliccato su eccezionale.
    Bello lo stralcio del romanzo della Bandini, bello la continuazione con i tuoi bei ricordi e le foto poi..
    Mi è venuto in mente un cugino ormai morto da tempo che a Torrecanne ( vicino a Fasano????) arira i ricci e li mangiava sul posto...
    Mi piacerebbe assaggiarli.. me ne hai fatto venire voglia..
    Hai perso forse qualche post...ma è poco importante....ora sono nonna...anzi nonnazan!!!innamorata pazza della sua Giulia!!

    RispondiElimina
  15. Ciao Lucia!
    Grazie di cuore per la tua preziosa visita al mio blog: è un piacere fare la tua conoscenza e ricambiare il gesto, scoprendo il tuo diario così ben strutturato per gola e racconti.
    Senza alcun dubbio adoro i libri e le storie di cui sono portatori, pertanto è stato davvero godurioso leggere questo tuo interessante post sui ricci di mare e la citazione scelta.
    Un libro che ha attirato la mia attenzione al punto tale da farci un pensiero per un'eventuale compera futura!
    Mi permetto di aggiungere Ambrosia e Nettare tra i miei preferiti, aggregandomi ai tuoi followers molto volentieri.

    In quanto alle brioches, ti assicuro che è tutto fumo e niente arrosto: una volta presa la mano sull'«arrotolamento» della pasta, vedrai che vengon su una dopo l'altra!

    A presto risentirsi.

    RispondiElimina
  16. che dire..sono senza parole...solo una anzi due....CHE FAMEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

    RispondiElimina
  17. Voglio leggerlo anch'io questo libro!
    Buonissimi i ricci...troppo buoni. Vado di la, voglio farti un regalino ;)

    RispondiElimina
  18. ed hanno fatto bene,a farci un monumento al riccio,Lucia!!!!che meraviglia del creato,che bonta'!!!!!quelle linguine sono spettacolari,come il resto!!il racconto è stato delizioso!!felice settimana,carissima!!bacioni :))

    RispondiElimina
  19. Grazie per la lettura! e grazie anche per questa ricetta, ho mangiato una volta sola la pasta con i ricci e mi sono commossa dalla bontà:)

    RispondiElimina
  20. Ciao, non abbiamo ancora avuto occasione di fare incontri di questi tipo...anche se certi si ricordano!
    Che piatti semplici e gustosi...tutto a base di ricci e invitantissimi.
    baci baci

    RispondiElimina
  21. Mi sento svenire dalla bontà, i ricci con il pane, gli spaghetti con i ricci, ricordi memorabili.

    RispondiElimina
  22. Come sempre, leggerti è un piacere! Non ho mai mangiato i ricci di mare, ma mi hai incuriosita tantissimo!!!

    Baci e buona settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  23. Che bellissimo post hai realizzato cara! non ho mai assaggiato i ricci ma son curiosa di farlo, come anche desidero andare a visitare Gallipoli prima o poi :)

    RispondiElimina
  24. Ciao bella...io li conosco bene i ricci...li pesco e li cucino...sono un dono del mare!
    Essenza pura di bontà marina,l'importante come in tutto è essere oculati e non eccedere nella pesca,infatti da noi a Palermo da maggio a settembre c'è il fermo biologico,x dar loro modo di riprodursi e continuare a godere nel tempo della loro bontà ^^
    Ti seguo anch'io,complimenti davvero ^_^

    RispondiElimina
  25. "ce n'ndore!!!" ecco quello che ha registrato il mio cervello leggendo il tuo post....bellissimo!

    Grazie per essere passata da me, è un privilegio...grazie!

    un abbraccio forte, Antonia

    RispondiElimina
  26. Un post bellissimo, pieno di suggestione.

    RispondiElimina
  27. La vera seduzione sta nella "non consapevolezza" del proprio fascino.Affascinante la protagonista,quasi quanto te cara.Ami questa lettura perchè è appassionata e viva come il racconto dei tuoi ricordi.
    Il primo riccio l'ho assaggiato a vent'anni ed è stato un pugliese a farmene dono,pensa un pò..
    lo mangiai e pensai che in un attimo avessi assaggiato l'intero mare!
    A presto bella mora,felice di ritrovarti in gran forma!!

    RispondiElimina
  28. Grazie per avermi fatto conoscere questo brano. Perdona la mia ignoranza ma proprio non lo conoscevo. I ricci di mare li conosco ma non ho mai avuto il piacere di degustarne il sapore. Quel piatto di pasta mi ha fatto venire l'acquolina in bocca! Dalle mie parti non si trovano. Chissà che magari un giorno non abbia la fortuna di assaggiarli. Meraviglioso post. Complimenti. Paola

    RispondiElimina
  29. Lo letto quel libro, l'ho letto l'anno scorso tutto d'un fiato perché mi intrigava sentire ancora parlare di Salento, perché quei posti lì li ho visti con il cuore e perché alcune situazioni mi in affascinavano tantissimo. Poi però la fine mi ha delusa perché quella donna misteriosa e pericolosa a me piaceva davvero e lui, la voce narrante mi è sembrato un vigliacco senza ritegno ad andarsene senza neanche rischiare. La pagina che tu hai scelto è senza dubbio la più bella del libro. E che meraviglia queste foto e quella pasta. BEllissimo. Pat

    RispondiElimina
  30. Che spettacolo di post!!!
    Ho mai avuto modo di assaggiare i ricci di mare, mi vergogno ma è così!!! Certo è che.. queste foto, parlano da sole!!! .. potessi aver quei piattini ora!!!!
    Grazie di tutto!!!!
    Un bacio enorme!!!!

    RispondiElimina
  31. ciao cara, sai che io i ricci li ho solo visti, ma non li ho mai assaggiati...devono essere deliziosi, queste foto mettono un appetito!!!
    Purtroppo mi devo accontentare di quelli folti e difficilmente pettinabili che mi ritrovo in testa ;)
    bacioniiii

    RispondiElimina
  32. viaggio da meraviglia!!! ma sai che anche io ho mangiato ricci per la prima volta proprio qualche settimana fa??? deliziosi!!! bellissime foto, emozione!!! baci

    RispondiElimina
  33. Complimenti Lucia è molto interessante il tuo blog, le linguine, poi, riesco a percepire il profumo e il sapore, le assaporo e le gusto con la mente. Quel monumento al riccio è una scultura in ceramica?... è stupendo! Tornerò presto per visionare meglio il tuo blog, intanto volevo unirmi e sostenerti, ma non vedo i tuoi lettori fissi, come devo fare? A presto e buona serata!

    RispondiElimina
  34. Trovati!!!... erano in basso :)) baci!

    RispondiElimina
  35. penso di non aver mai assaggiato un riccio! :oo!

    RispondiElimina
  36. Vengo per dirti di non disturbare quelli di "Chi l'ha visto", che non è il caso e rimango intrappolata prima dalle parole dell'intorduzione e poi dalle tue. In un attimo sacro e profano si sono fusi e immagini contrastanti si sono formate nelle mia mente. E' sempre bello leggerti (non te lo avevo mai detto vero?? :)
    Ad ogni modo non ti proccupare Lucì! Io sto bene... son solo lontana dal blog... :>
    Ti abbraccio forrrrte :*

    RispondiElimina
  37. Splendide foto, splendido post. Ho appena finito di vedere il tuo blog da cima a fondo, complimenti, parla molto di te, della passione che metti in tutto. Complimenti, sei bravissima e ho preso nota di tante ricette. Ciao e continua così!!

    RispondiElimina
  38. Eppure sono sicura di aver lasciato un commento....strano! Non lo vedo... Complimenti ancora!!! Sono andata a cercare anche il libro... Hai veramente qualcosa di speciale! Ti seguo molto volentieri!!! Baci Iva

    RispondiElimina
  39. Magnifiche le foto e bello il post, l'ho letto tutto di un fiato, bravissima cara Lucia!!!!

    RispondiElimina
  40. Lucia, devo assolutamente farti i complimenti per il tuo magnifico blog!! che bello e cosa vedono i miei occhi? degli angioletti...
    Adoro i ricci, e quando posso ne faccio sempre una scorpacciata!!
    Un abbraccio...
    Ps: anche io ti seguo volentieri...
    baci

    RispondiElimina
  41. Hola Lucia!!Todo va bien,solo que me he alargado en las vacaciones,me he tomado un buen descanso, ya que en tres haños que tengo el blog no habia tenido,muchas gracias por el interes eres un sol!!!Aunque los erizos nunca los he comido,las fotos y la informacion son geniales....y el monumento al erizo esta chulisimo!!! Un gran abrazo.
    Besets.

    RispondiElimina
  42. Hola Lucia! que interesante todo, las fotos muy bonitas. Muchas gracias por todo tu apoyo..
    besos
    Gaby

    RispondiElimina
  43. non so come mai mi sono persa questo magnifico post sukl riccio complimenti come sempre lucia per le belle parole che unisci ai tuoi meravigliosi post ... mi piace tanto il monumento del riccio nel mare troppo ganzo ...
    e ottimi i tuoi piatti ..
    un abbraccio
    lia

    RispondiElimina
  44. Cara Lucia, ce l'ho fatta, ho trovato il post sui ricci... bellissimo! E foto altrettanto belle, complimenti... per non parlare dei bei racconti che scrivi... insegni italiano?
    Mi permetto di mandarti un abbraccio virtuale
    Tiziana

    RispondiElimina
  45. Ci siamo stati tanti volte qui!!!! quello è il porto di Gallipoli :))) il mio compagno ha la casa estiva a Gallipoli sopra la rotonda!!!!

    RispondiElimina